Un morto e 11 feriti. E’ il bilancio di un incidente stamani a Roma, in via della Pisana. Lo scontro frontale è avvenuto tra una navetta dell’Ama, sulla quale viaggiavano i dipendenti che stavano andando al lavoro, e una Renault Clio. Il giovane a bordo dell’auto, un romano di 25 anni, è morto. Il conducente dell’auto è morto in ospedale dopo essere stato soccorso dal 118 e trasportato all’Aurelia Hospital. Altre 10 persone a bordo della navetta, rimaste ferite, sono state soccorse dal 118 e trasportate nei vicini ospedali. Uno dei feriti è in gravi condizioni. Sul posto sono in corso i rilievi per ricostruire l’esatta dinamica dell’incidente.

Un altro grave incidente stradale è avvenuto in mattinata in via Nizza. Un autobus dell’Atac ha investito intorno alle 7.20 un pedone. Si tratta di un mezzo della linea 80. Il pedone è stato trasportato al policlinico Umberto I in codice rosso. L’incidente è avvenuto all’intersezione tra via Nizza e via Civitavecchia. L’uomo investito è un 49enne, che stava attraversando la strada probabilmente sulle strisce.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Terremoto Garfagnana, “Allarmismo? Non dimentichiamo L’Aquila”

next
Articolo Successivo

Terremoto Garfagnana, Gresta (Invg): “Nessuna previsione né allarme”

next