Il Pd? “Un partito ancora stalinista“. L’assessore Frascaroli? “E’ lei che fa la guerra agli anziani, in 7 anni non è riuscita a riaprire il Santa Marta”. L’appoggio di Sel? “Non abbiamo bisogno di giochini elettorali. Sel è la stampella del Pd e dell’austerity del prossimo governo”. Ne hanno per tutti i ragazzi e le ragazze di Bartleby, a poche ore dallo sgombero dell’ex conservatorio Santa Marta, stabile di proprietà comunale occupato dopo un corteo di oltre 500 persone.

In una conferenza stampa gli attivisti hanno spiegato i loro piani per il futuro. “Al Santa Marta abbiamo avviato una serie di progetti che porteremo avanti nell’aula occupata Roveri di lettere e filosofia. In futuro ci riprenderemo un altro spazio, e i tempi li decideremo noi”, spiega Antonio.

“Questa mattina la Digos ha chiuso l’ex conservatorio, non l’ha certo riaperto o messo a disposizione di anziani e bambini – racconta Paolo – La giunta parla di legalità e regole, quello che noi vediamo sono lavori che non partono mai, appalti e bandi pasticciati, e nel caso manganelli per reprimere chi non ci sta. Vigileremo perché il Santa Marta sia messo a disposizione della città il prima possibile. Evidentemente servono le occupazioni per sbloccare un immobilismo quasi decennale”.

Questa mattina attorno alle 8 la polizia si è presentata di fronte all’ex conservatorio Santa Marta e ha provveduto alla chiusura dell’edificio. Il Santa Marta, quando gli uomini della Digos sono entrati, era vuoto. Gli attivisti avevano infatti deciso di utilizzare l’edificio solo durante le ore diurne. Nei giorni scorsi gli occupanti avevano provato a tracciare un piano di attività per l’ex convento: tra le tante uno studentato, una mensa popolare e un consultorio per la salute lgbt. “Ma andremo avanti usando l’università come base”. Uno sgombero, quello di Bartleby che ha spaccato la comunità universitaria, e che ha portato scompiglio in Consiglio comunale, con Sel che ha prima appoggiato il corteo del collettivo che ha portata all’occupazione, poi ha fatto marcia indietro bacchettata dall’alleato democratico.

“Abbiamo solo partecipato alla prima parte della manifestazione – ha spiegato Cathy La Torre, capogruppo di Sel in Comune – Vorrei precisare che non abbiamo certo occupato”. Rimane però il problema “degli spazi”, sul quale Sel sembra intenzionata a incalzare la giunta a guida Pd. “Vogliamo una mappatura, l’abbiamo chiesta a ottobre 2012 ma per ora non ci sono ancora i risultati”, hanno spiegato i consiglieri. Nei giorni scorsi il quotidiano online zic.it ha pubblicato un’inchiesta in cui si raccontano le vicissitudini burocratiche e legali che hanno bloccato i lavori di ristrutturazione dell’ex conservatorio Santa Marta. “Quella inchiesta l’abbiamo letta – spiegano quelli di Bartleby – e pensiamo che la città sia piena di spazi vuoti di proprietà Comunale in cui non si fa nulla”.

Intanto Bartleby, dopo due sgomberi consecutivi, annuncia una manifestazione in rettorato. “Con noi porteremo il Dracula di cui il Rettore ha tanta paura”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

L’aeroporto di Rimini salvato dal ministro Passera. Bocciati gli scali di Parma e Forlì

next
Articolo Successivo

Vignali torna libero. Annullati gli arresti domiciliari. “Non può inquinare le prove”

next