Se si cerca la parola felicità su Google il primo risultato è, ça va sans dire, la definizione che ne dà Wikipedia. Poi a seguire, un po’ a sorpresa, il video su Youtube della canzone di Al Bano e Romina Power. Proseguendo solo nella prima pagina, ci sono poi le “immagini relative” : una bimba che sorride, una strada con un cartello e l’indicazione “Happy” (e non Happiness), due ragazze che saltano con le braccia al cielo. Non mancano Twitter, la “palestra della felicità”, aforismi e poesie. Ma volendo si possono scorrere ben oltre 4 milioni di pagine. 

A Roma nei prossimi giorni, dal 17 al 20 gennaio, è in programma il Festival delle Scienze e il tema degli incontri, che sia economico o filosofico, è la ricerca della felicità. Per chi organizza la tre giorni con convegni e ospiti di primo piano, compreso il premio Nobel per l’Economia Amartya Sen, “la ricerca (scientifica) della felicità è un viaggio misterioso e appassionante attraverso le neuroscienze, la psicologia, la religione, l’antropologia, la sociologia. Che finisce per portarci al centro di noi stessi. Perché se tutta la nostra esistenza è tesa a massimizzare la totalità del piacere e della realizzazione personale, la domanda di fondo è: come arrivarci? Esiste una formula della felicità?”.

La domanda atterrisce e forse atterriscono ancora di più tutte le possibili risposte che, in questi tempi di crisi feroce e di smarrimento culturale e sociale, schizzerebbero fuori. Ma il solo fatto di domandarsi se si può essere felici, di discuterlo scientificamente oppure no è già un passo oltre. Che sia studiata e discussa come indicatore economico o come piacere sessuale e fisico, la felicità, anche se non “provata”, va cercata. “Tutti, fratello Gallione, vogliono vivere felici, ma nel veder chiaro che cosa è che renda la vita felice sono ottenebrati” ammoniva Seneca nel “De vita beata”. Anche questo festival può fare un po’ più di luce. 

Il Festival delle Scienze all’Auditorium di Roma

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Scienza, ricercatori dell’Università di Stanford realizzano pila da record

next
Articolo Successivo

Fisica, prodotto per la prima volta in Italia un condensato di Bose-Einstein

next