Dopo due anni dalla notizia delle indagini a suo carico la Procura di Bologna ha chiesto l’archiviazione per l’ex sindaco di Bologna, Giorgio Guazzaloca. L’unico uomo che batté la sinistra nel capoluogo emiliano era indagato per corruzione nell’inchiesta sul Civis, il tram a guida ottica, mai entrato in funzione e costato centinaia di milioni di euro alle casse pubbliche. La richiesta, riporta l’agenzia Ansa, è stata depositata in queste ore. “Non mi va di parlare di questa cosa – dice l’ex primo cittadino dal 1999 al 2004, sentito a caldo dal Fatto quotidiano – penso che abbia vinto la verità”.

I prodromi della decisione dei pm bolognesi si erano avuti con il documento con cui il tribunale del riesame aveva respinto il ricorso della Procura contro il doppio no al sequestro dei beni per Guazzaloca: “Non è addebitabile al Guazzaloca la condotta omissiva che gli è contestata” e non si può trovare nei suoi confronti “il fumus dell’accordo illecito ipotizzato dagli inquirenti”.

Nella stessa inchiesta sono indagati, tra gli altri, i vertici del Consorzio cooperative costruzionie gli allora dirigentio dell’Atc, la ex azienda trasporti di Bologna. Al centro dei sospetti su Guazzaloca vi era la sua nomina a presidente del consiglio di amministrazione di Leasys spa (controllata proprio da Fiat e da Enel), nel novembre 2004, una volta scalzato dalla poltrona di sindaco da Sergio Cofferati. Quella nomina, secondo la tesi iniziale dei pm era  il compenso per aver fatto approvare il progetto del tram su gomma per Bologna. Ma il tribunale del Riesame aveva successivamente smontato questa tesi della accusa: quella nomina era secondo i giudici una scelta nata da indicazioni di Enel e non di Fiat. Un dettaglio che smonterebbe l’accusa. Da qui, la richiesta di archiviazione da parte della Procura.

 
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Terremoto, soldi per ricostruire coperti solo all’80%. I sindaci: “Così non va”

next
Articolo Successivo

Morto il giudice Lenzi, assolse Alberto Tomba per non aver “compreso” il fatto

next