L’Avvocato Giuseppe Arnone si presenta nella sede del Partito democratico dove si stava svolgendo la Direzione nazionale per la compilazione delle liste ed esclama: “Questo è il partito di Pio La Torre non può essere il partito di Mirello Crisafulli, colui che si siede con i capi mafia a parlare di tangenti ed appalti è ora di rimuovere le incrostazioni terribili che ci sono nel partito in Sicilia. A Bersani chiedo pulizia per davvero, è ora che il segretario sia dia una smossa. Grasso è candidato in Lombardia e non in Sicilia perché con ogni evidenza non vuole stare con gente come Crisafulli e Capodicasa e quindi si mantiene a distanza dalla Sicilia”  di Manolo Lanaro

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La base leghista ferma Maroni: “Berlusconi è uno psicopatico”

next
Articolo Successivo

Liste Pdl, in via dell’Umiltà va in scena il summit degli impresentabili

next