Ricambio generazionale. Ma con Bossi e Calderoli. La Lega Nord è alle prese con la compilazione delle liste per le prossime elezioni politiche del 24 e 25 febbraio e il consiglio federale ha mandato a Roberto Maroni di compilare la squadra per le politiche. Ci sono ancora una ventina di giorni per presentare i nomi, ma la decisione di candidare i due pezzi da novanta è stata presa e manca solo l’ufficialità: Calderoli dovrebbe essere candidato al Senato, Bossi alla Camera. Nelle liste per il Parlamento dovrebbe essere confermato anche Giancarlo Giorgetti, ex segretario della Lega lombarda e presidente della Commissione Bilancio alla Camera.

I segretari nazionali, che nella Lega equivalgono a quelli regionali, hanno consegnato a Maroni le liste di nomi per le candidature a Camera e Senato nelle varie circoscrizioni, in ordine alfabetico e in numero superiore al 30% rispetto ai posti disponibili. Sarà il segretario federale, come viene spiegato da fonti del Carroccio, a vagliare i nomi e dunque a decidere la composizione delle liste nelle prossime settimane.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni 2013, le liste complete Pd alla Camera e al Senato

next
Articolo Successivo

Elezioni, Bersani cerca Monti dopo il voto. “Ma il Professore dica contro chi combatte”

next