Un chirurgo ortopedico di Marsiglia, abilitato all’esercizio della professione sanitaria in Italia, è stato arrestato in flagranza dai carabinieri del Nas di Bologna con l’accusa di concussione ai danni di un suo paziente.

Secondo i magistrati di piazza Trento Trieste il professionista, che opera a Villa Torri, casa di cura accreditata di Bologna e convenzionata con il Servizio sanitario nazionale, aveva costretto un paziente affetto da un’ernia cervicale a dargli 4 mila euro per sottoporlo ad un’operazione, con oneri a carico della sanità pubblica.

Il professionista è stato arrestato subito dopo aver ottenuto dal paziente 2 mila euro, metà della somma richiesta. Il gip del Tribunale di Bologna ha confermato l’arresto ma ha liberato il chirurgo applicandogli la misura cautelare del divieto temporaneo di esercitare l’attività professionale.

Le indagini del Nas, condotte anche con la collaborazione della dirigenza di Villa Torri e coordinate dalla Procura di Bologna, hanno inoltre consentito di accertare che non si trattava del primo caso.

Il medico francese, che ha ammesso la sua colpevolezza riguardo a due episodi, nel visitare i pazienti proponeva loro di sottoporli ad intervento chirurgico in alcune strutture ospedaliere accreditate di diverse regioni italiane, e poi abusando della sua posizione chiedeva agli stessi pazienti indebiti pagamenti in nero per la sua prestazione chirurgica, mentendo in certi casi sulle liste di attesa e sul conseguente aggravamento delle patologie.

Il medico, in questo modo, ha percepito emolumenti, oltre che dalla Casa di Cura, anche dai pazienti, uno dei quali in un caso specifico, per essere operato, avrebbe dovuto consegnare la somma di 4mila euro per ricevere un trattamento sanitario gratuito.

L’operazione dei Nas ha consentito di bloccare il professionista sanitario immediatamente dopo la consegna, da parte del paziente, di metà della somma estortagli, che è stata sequestrata dai Carabinieri.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Urban Survivors: viaggio attraverso gli slum del mondo

prev
Articolo Successivo

Addio alla partigiana ‘Lina’. Fu capitano militare durante la Resistenza

next