“Un dramma che la comunità internazionale potrebbe fermare”, se desse l’ordine ai 17mila caschi blu dispiegati nella regione di “fare il loro mestiere e compiere il loro mandato: portare la pace”. E’ l’appello  per il Kivu, regione dell’est della Repubblica democratica del Congo, dove i ribelli “uccidono e stuprano” e ci sono “già milioni di morti e altre milioni di vite devastate”, che è stato lanciato da numerose personalità, tra cui Jacques Chirac, Mohamed Ali e Valerie Trierweiler, pubblicato da Le Monde nel giorno di Natale.

Con “acqua, sole e terre fertili, il Kivu avrebbe tutto per vivere felice”, ma “purtroppo per lui” è anche ricco di materie prime, che attirano “bande di mercenari e saccheggiatori di ogni specie che martirizzano la popolazione”, scrivono gli appellanti. “Alcuni squadroni, tra cui il gruppo chiamato M23, fanno incursioni a Goma e seminano il terrore nella periferia. Distruggono, uccidono e stuprano migliaia di donne e bambini”.

Davanti a tutto questo, denuncia l’appello, i 17mila caschi blu della missione Monusco, inviata nel 1999, “guardano e constatano” la situazione, mentre “aspettano una risoluzione del Consiglio di sicurezza che permetta loro di agire”. Oltre all’ex presidente francese e alla compagna dell’attuale capo dell’Eliseo, hanno firmato l’appello anche il premio Nobel per la pace liberiana Leymah Gbowee, l’ex presidente senegalese Abdou Diouf, attori, scrittori e registi di diverse nazionalità.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Marocco: immigrati abbandonati nella terra di nessuno

next
Articolo Successivo

Siria, bombardamento vicino al confine turco. Ventuno bambini uccisi

next