Alla presentazione del suo nuovo libro “Ma credo ancora nell’amore” edito da Mondadori, Barbara D’Urso non vuole rispondere ad alcuna domanda sulle polemiche che hanno seguito la sua intervista a Silvio Berlusconi nel salotto di Domenica Live (Canale5): “Io sono qui per parlare del libro, caro Fatto”, risponde durante l’evento organizzato alla libreria Mondadori di via Marghera a Milano. Inutile chiederle perché abbia fatto così poche domande al Cavaliere, costringendolo a un lungo monologo: “Questa non è una conferenza stampa, ma la presentazione di un libro. Sennò avrei fatto una conferenza stampa sull’intervista a Berlusconi”. E ancora: “Ti rendi conto che sei ridicolo?”  di Luigi Franco

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Diritti d’autore: da oggi gli artisti liberi di scegliere

prev
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, le dissacranti vignette di Vauro: da Benigni a Ingroia

next