Il proprietario di Youporn e di altri noti noti siti pornografici, Fabian Thylmann, è stato arrestato all’aeroporto di Bruxelles per evasione fiscale su mandato della procura tedesca di Colonia. “Il signor Thylmann si trova ora in custodia per l’estradizione”, hanno dichiarato fonti giudiziarie al quotidiano Die Welt. Le autorità tedesche già la settimana scorsa avevano perquisito e sequestrato materiale in un ufficio di Amburgo legato alle attività del 34enne, originario di Acquisgrana. Non è stato chiarito da parte della procura se al momento ci sono altre persone iscritte nel registro degli indagati.

Thylmann, vive in un sobborgo di Bruxelles, anche se è dal Lussemburgo, attraverso la Manwin Holding Sarl, che l’imprenditore tedesco controlla oltre 35 consociate: tra cui le aziende che gestiscono alcuni tra i siti pornografici più ‘frequentati’ al mondo, come pornhub, brazzers mydirtyhobby. Il portavoce della procura ha spiegato che è ancora da definire se e quando Thylmann sarà estradato in Germania. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sciopero benzinai dall’11 al 14 dicembre 2012: orari e modalità

next
Articolo Successivo

Corruzione e turbativa d’asta al ministero dell’Agricoltura: 11 arresti

next