Il “movimento arancione” muove i primi passi. Al teatro Vittoria di Roma si sono incontrate le numerosissime anime della società civile di sinistra, antimontiana e antigrillina, che si è raccolta attorno all’appello “Cambiare si può”, promosso da Paul Ginsborg, Luciano Gallino, Marco Revelli e Livio Pepino. Il “quarto polo arancione”, come lo ha già battezzato qualche giornale, non ha ancora una struttura e una leadership, ma ha registrato le adesioni eccellenti di Luigi De Magistris e Antonio Ingroia. Il sindaco di Napoli ha promesso il suo impegno a fianco del movimento, purché non rinunci a competere per il governo: “Io ci sto se si decide di correre per vincere le lezioni – ha detto De Magistris -. Altrimenti ho già tanto lavoro come sindaco di Napoli”. Ingroia, accolto da una standing ovation, ha dichiarato: “Sarò con voi dal Guatemala o dall’Italia”. Ma alla domanda diretta sulla disponibilità ad assumere la guida del movimento, non ha sciolto le riserve: “Io leader? Ci ragioneremo sopra”  di Tommaso Rodano

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Primarie, valanga di no ai nuovi elettori. Accettate solo 7mila richieste

prev
Articolo Successivo

Primarie, cosa resta di Renzi se perde: capo del partito o nemico da battere?

next