Oltre 29 milioni di impression. Così, su Twitter, Il Fatto Quotidiano si posiziona al primo posto tra gli utenti che hanno generato più impression (somma delle visualizzazioni potenziali dei tweet, ndr) durante il confronto tra Matteo Renzi e Pier Luigi Bersani andato in onda ieri sera su Raiuno. Come scrive Panorama, Il Fatto è arrivato primo rispetto a @Repubblicait (18 milioni) e @Corriereit (8 milioni), più istituzionali e con un seguito più adulto. @Matteorenzi è stato il più menzionato, con oltre 7mila citazioni, seguito subito dopo da Bersani (5.500) e dal blogger del Fatto Quotidiano @Domeniconaso, nominato circa 870 volte.

Il totale è stato di 120.990 tweet, con circa 29mila utenti unici attivi per oltre 184 milioni di impression. Cifre – riporta sempre Panorama – che hanno superato quelle registrate, per esempio, nel precedente dibattito su Sky, con tutti i candidati alle primarie (20mila utenti unici attivi per oltre 152 milioni di impression). I tre hastag più utilizzati sono stati #1csx2, #csxrai e #Renzi, citato oltre 21mila volte su Bersani (12mila citazioni). Poca fortuna ha avuto l’hastag ufficiale lanciato da Rai Uno #bersanirenziconfrontofinale, con appena 584 menzioni. Sbeffeggiato dal popolo di Twitter perché giudicato troppo lungo. 

L’analisi è stata condotta da The Fool, società che si occupa di social media, monitoraggio della reputazione online, SocialCRM, Social Intelligence e servizi di IP-Protection.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Servizio Pubblico, “La crosta”. Riguarda tutti i video della sesta puntata

prev
Articolo Successivo

Sgarbi: “Raccolta di firme e azione giudiziaria contro il libro di Ingroia”

next