Viva Crozza, perché, nella puntata di Ballaró, ha citato la parola proibita F35, i cacciabombardieri che l’ammiraglio De Paola vuole acquistare, a tutti i costi, costi quel che costi! L’argomento, salvo le consuete eccezioni, tra le quali Il Fatto Quotidiano, è sparito dalla agenda politica e mediatica.

Si tratta di un tema sgradito allo spirito dei tempi, irrita il partito trasversale della spesa militare, qualsiasi opposizione, politica e sociale, viene liquidata con fastidio, bollata come “manifestazioni di spirito antinazionale tipico di un pacifismo fuori dal tempo”.

Eppure grandi paesi quali il Canada e l’Australia hanno rinegoziato l’adesione al progetto per l’acquisto degli F35, altri sono addirittura usciti dalla intesa, negli Stati Uniti è in corso una dura discussione sull’inattualità e l’inefficienza dei modelli da produrre. Il progetto, dunque, non è contestato solo dal popolo della pace, ma persino da alti comandi militari, da ricercatori, da studiosi di strategie militari. Solo da noi la discussione è confinata nelle segrete stanze, esclusa dai salotti tv, quasi fosse una bestemmia chiedere l’annullamento o la drastica riduzione del progetto di acquisto dei cacciabombardieri.

Chi osa dire: “Piú scuole, piú ospedali e meno armi” viene liquidato come un demagogo. Chissà cosa avrebbero mai vomitato contro il presidente Pertini quando esclamò: “Svuotare gli arsenali, riempire i granai..”.

Per questo diciamo “grazie Crozza” perché ha rotto il muro del silenzio, perché ha dato voce a quanto pensano milioni di italiani e alle lotte di un coraggioso e combattivo cartello di associazioni che non ha mai rinunciato a questa battaglia civile.

Chi avesse voglia di partecipare alla campagnaNo F35” e manifestare una opposizione pubblica e trasparente ai progetti di contro riforma presentati dal ministro ammiraglio, potrà firmare la petizione pubblicata, tra gli altri, dal sito di Articolo21 e dal sito della Tavola della Pace

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Comuni, sopprimere i piccoli?

next
Articolo Successivo

Usa, la Jp Morgan è in rosso. Ma Buffett vorrebbe l’ad Dimon al Tesoro

next