Brutte notizie per il personale della tv locale E’tv, di cui detiene una percentuale anche la curia di Bologna. Sono state spedite lettere di licenziamento a tutti i giornalisti dell’emittente e a quasi tutto il personale tecnico-amministrativo, con effetto a partire dal prossimo 1 dicembre. In tutto una quarantina di persone, di cui 18 cronisti. La data indicata sulle lettere coincide con la conclusione dei contratti di solidarietà che la proprietà, Rete 7 spa, si è detta disponibile a prorogare. Con questi provvedimenti estremi rimangono teoricamente a casa anche le figura di punta delle news, Francesco Spada, e un’altro volto noto, come Sabrina Orlandi, conduttrice dello storico “Pallone nel 7“.

Per domani è già stata fissata un’assemblea straordinaria al salone Di Vittorio della Camera del lavoro di Bologna. “Lavoratrici e lavoratori – si legge in una una nota dei sindacati Cgil, Cisl, Uil e Fnsi –  uniranno in questa assemblea aperta alla stampa e a tutti gli organi di informazione, quale primo atto di mobilitazione, contro la gravissima scelta della proprietà di licenziare praticamente tutte le lavoratrici e lavoratori dell’emittente. Quello che è successo è assolutamente inaccettabile, da peggior imprenditoria”.

Intanto anche a Piacenza, i giornalisti di Teleducato sono in agitazione da alcuni giorni, dopo che l’editore di Telemec ha formalizzato la decisione di azzerare la redazione, lasciando a casa 4 persone. In servizio sono rimasti solo la direttrice Mirella Molinari e un tecnico.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Movimento 5 Stelle, come funzionano le verifiche semestrali

prev
Articolo Successivo

Favia cerca la diplomazia: “Basta guerra dei Roses, i confronti nelle sedi opportune”

next