La Cgil ha proclamato quattro ore di sciopero generale per il 14 novembre, giornata di mobilitazione indetta dal sindacato europeo Ces. E’ rottura quindi con Cisl e Uil dopo aver tentato di organizzare una manifestazione comune per l’iniziativa europea “per il lavoro e la solidarietà” e il no all’austerità. La Uil ha accusato la Cgil di aver “buttato a mare” il percorso unitario intrapreso a livello europeo. 

Per la giornata del 14, sottolineano alla Cgil, è stato già proclamato uno sciopero in Spagna, Portogallo e Grecia mentre per la fine della settimana sono attese decisioni in questo senso anche in altri Paesi. La mobilitazione indetta dalla Ces è “per il lavoro e la solidarietà” e per il “no all’austerità” ma la Cgil aggiunge alle motivazioni della protesta anche il no al disegno di legge di stabilità e la richiesta al governo di modificare la sua politica in economia. Il sindacato europeo nella sua piattaforma ha sottolineato come le misure di austerità abbiano trascinato l’Europa nella stagnazione economica, fino alla recessione. Il risultato di queste politiche – afferma la Ces – è stato il blocco della crescita e la disoccupazione in continuo aumento mentre i tagli a salari e protezione sociale “sono attacchi al modello sociale europeo e aggravano disuguaglianze ed ingiustizia sociale. E’ necessario – avverte il sindacato – un cambio di rotta verso un patto sociale europeo”. 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Fiat, arriva la seconda condanna per attività antisindacale

prev
Articolo Successivo

Ilva, operaio muore nell’area portuale. Lavori sospesi, sindacati in agitazione

next