“Condannato e resuscitato. Ancora tu? Non dovevamo vederci più?”. Questi i titoli con cui Beppe Grillo ha commentato, sul suo contatto Facebook e sul sito web, il ritorno in campo di Berlusconi. Ritorno che ieri il Cavaliere aveva negato, considerando in realtà di non aver “mai abbandonato la scena politica”. “Non corro per la premiership, ho ragionato a lungo questa mattina – ha detto l’ex premier- e confermo la mia decisione di qualche giorno fa di non presentarmi come candidato alla presidenza del Consiglio in modo da facilitare l’unione di tutti i moderati, che sono la maggioranza d’Italia”. 

E il leader del Movimento Cinque Stelle ha commentato: “Non sono passati neppure i tre giorni canonici ed è già uscito dalla tomba prima che la Santadeché e Bugs Bunny Alfano potessero avvolgerlo nel sudario e levarselo dalle palle per sempre. E’ già risorto”. “I suoi – ha scritto il leader del Movimento 5 Stelle – lo avevano pianto disperati per circa cinque minuti, poi avevano brindato a Veuve Cliquot. Dopo aver fatto un passo indietro per il bene della Nazione, lo psiconano ne ha fatto tre avanti per la condanna a 4 anni di reclusione per frode fiscale perché ‘Obbligato’ a rimanere in campo per riformare il pianeta giustizia. Sursum corda! Con lui in gara il Pdl prenderà percentuali da prefisso telefonico”. Dopo la  traversata dello Stretto di Grillo, il M5S si prepara, domani, per una diretta streaming “per vivere insieme  i momenti dello spoglio elettorale in Sicilia”  che andrà in onda lunedì 29 ottobre dalle 9 in poi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Reggio Calabria, ex sindaco: ‘Stato potere insensibile che si rifiuta di comprendere’

next
Articolo Successivo

Elezioni in Sicilia, primi exit poll: “A Palermo in testa i 5 Stelle”

next