Nessun chiarimento della sua posizione al giudice che lo ha interrogato sul presunto acquisto di voti dalla ‘ndrangheta trapiantata al Nord e altri reati. Si è avvalso della facoltà di non rispondere Domenico Zambetti, l’assessore lombardo del Pdl arrestato il 10 ottobre per voto di scambio, concorso esterno in associazione mafiosa e corruzione. Davanti al gip Alessandro Santangelo, il politico non ha risposto alle domande nel primo interrogatorio di garanzia. Secondo quanto ha spiegato il suo legale, l’avvocato Giuseppe Ezio Cusumano, Zambetti ha r rilasciato alcune dichiarazioni spontanee per affermare di non aver “mai avuto niente a che fare con la ‘ndrangheta”.

Secondo il suo legale, Zambetti ha scelto di non rispondere alle domande del giudice “non per strategia processuale, ma solo perché non ha ancora avuto tempo di leggere l’ordinanza che lo riguarda e per problemi di salute”. L’assessore, a cui il presidente Formigoni ha tolto tutte le deleghe subito dopo l’arresto, si sarebbe comunque detto “disponibile a chiarire tutto al più presto”. Il legale ha spiegato che Zambetti avrebbe conosciuto alcuni esponenti delle cosche calabresi, tra cui Eugenio Costantino, indicato dagli inquirenti come referente del potente clan di ‘ndrangheta dei Mancuso, nelle vesti di persone “che lo stimavano e che volevano dargli un appoggio”. Solo poi si sarebbe accorto che erano personaggi della criminalità organizzata, ma, ormai stretto nella loro morsa, avrebbe avuto paura a denunciare. “Voglio sottolineare – ha aggiunto il legale – che l’interrogatorio di oggi si è svolto nella massima serenitàe che Zambetti è rimasto molto colpito dall’umanità dei carabinieri che lo hanno arrestato”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il giornalista-giornalista che vuole raccontare la verità

next
Articolo Successivo

Processo Ruby, il fidanzato Risso: “Sul suo passaporto la parola Mubarak”

next