A prima vista è facile sbagliarsi: stessi colori, titoli simili, grafica e impaginazione identiche. La satira, infatti, è nascosta nei dettagli, in due lettere fuori posto, incastrate nel nome. Nasce così Interspazionale, la parodia del famoso settimanale Internazionale, che proprio in questi giorni a Ferrara, sta festeggiando la sesta edizione del Festival. Sedici pagine di vignette, disegni, e illustrazioni, che racchiudono il “meglio dei giornali di tutto l’universo”.

E allora se Internazionale, ogni settimana, propone pezzi provenienti dalle riviste di tutto il mondo, dal Guardian al Time, Interspazionale va oltre. E supera l’atmosfera terrestre per riportare storie, illustrazioni e reportage delle migliori firme della galassia.  “Abbiamo raccolto notizie da Marte e da Saturno – fanno sapere gli autori -. Accanto al ritratto di Xenu, il dittatore galattico che terrorizza gli adepti di Scientology, ad esempio, ci sarà uno speciale su Noam Chomsky, epurato da tutta la galassia. E poi, e i disegni di Vincino, Kanjano, Akab e Alessio Spataro. Immancabile, infine, l’oroscopo maledetto di Rick Benzon”.

Dietro Interspazionale c’è lo zampino de Il Male, di Vauro e Vincino. Il progetto, infatti, è nato dalla collaborazione tra due autori della famosa rivista satirica, Dario Campagna e LoScorpione, e il collettivo di comunicazione Lele Marcojanni, composto da Elena Mattioli e Flavio Perazzini.

La rivista sarà distribuita gratuitamente a Ferrara, per tutta la durata del Festival. Ma sarà possibile trovarla anche in molti bar e locali della città. In alternativa, si può leggere Interspazionale sul sito (http://issuu.com/loscorpione/docs/interspazionale_fine_bassa), e seguire gli aggiornamenti “alieni” del Festival su interspazionale.blogspot.it.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il giallo dei sacchi portati via dalla Regione. La Procura dispone accertamenti

prev
Articolo Successivo

Il giallo dei sacchi portati via dalla Regione. L’Idv ai pm: “Era spazzatura”

next