Un sorvegliato speciale di 39 anni è stato ucciso a colpi di arma da fuoco nel corso di un agguato avvenuto nel quartiere Japigia, a Bari. L’omicidio è avvenuto in via Gentile, ad angolo con via Quasimodo. Due persone, con i volti coperti e a bordo di una moto, hanno sparato all’uomo mentre era in bicicletta. 

La vittima è Filippo Marzocca, di 39 anni, arrestato nel 2006 per traffico di droga tra Italia, Spagna e Marocco. L’uomo, a quanto si è saputo, risiedeva nel quartiere di Torre a Mare e vendeva sostanze stupefacenti nella zona di Japigia. Marzocca, a quanto si è saputo, aveva di recente contatti “d’affari” con le organizzazioni criminali di Mola di Bari (Bari).

Nel capoluogo pugliese sono stati diversi gli episodi di sangue che hanno coinvolto esponenti legati alla mala barese, compiuti secondo il procuratore aggiunte, Pasquale Drago: “A sparare sono giovani senza criterio e stanno colpendo gli ex boss”. Le parole si riferirono al tentato omicidio nei confronti del boss Giuseppe Mercante (capo dell’omonimo clan) e del pregiudicato Felice Campanile

Inoltre è di poche settimane l’allarme del sindaco di Bari, Michele Emiliano, sulla presunta negoziazione di futuri politici con i clan locali fatta per preparare il terreno dopo la fine del suo secondo mandato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Biella, l’ospedale è pronto, ma è troppo grande: l’Asl vende un padiglione

prev
Articolo Successivo

Duplice omicidio di Lignano, non si esclude concorso di terzi

next