Dopo le voci di un possibile acquisto delle infrastrutture trasmissive di Telecom da parte di Mediaset, ora si rincorrono voci su un possibile acquisto della stessa La7 da parte dell’azienda di Silvio Berlusconi. Sarebbe possibile? La risposta è si!

Negli scorsi giorni ho parlato della necessità di una riforma della legge Gasparri, sostenendo che fino a che le sue norme non fossero state superate in Italia si sarebbe continuata a porre una “questione televisiva”. Qualcuno ha sorriso. Dopo quest’ultima notizia dovrebbe farlo un pò meno. In base all’articolo 43 della legge Gasparri Mediaset puó acquistare La7 in quanto il limite antitrust indicato è che nessun soggetto puó avere ricavi superiori al 20% del totale del sistema integrato delle comunicazioni (cd Sic). Mediaset detiene nel calderone infinito del Sic circa il 13% dei ricavi per cui ben potrebbe in base alle vigenti norme acquisire la televisione del gruppo Telecom, che, visti i suoi ricavi, poco inciderebbe sull’incremento del 13% e comunque in una misura largamente inferiore alla soglia del 20%. Questo dice la legge Gasparri e le quantificazioni del Sic fatta dall’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (dati indicati da Agcom nell’ultima relazione al Parlamento).

Esiste poi un problema di concentrazione limitativa della concorrenza affidato alla vigilanza dell’Autorità Antitrust. Ma visti i precedenti non c’è da stare allegri. Per l’Agcm come per l’Agcom non é esistito in Italia un problema di posizioni dominanti nel mercato della televisione. Quanto al limite contenuto nello stesso articolo 43 della Gasparri sul numero dei programmi irradiabili (non più del 20% del totale), dopo le interpretazioni di Agcom sul monte complessivo dei canali,  praticamente è come se non ci fosse. Neppure le abbondanti soglie massime per la raccolta pubblicitaria sarebbero ostative, giacchè nel Sic non si è individuato tra i mercati che lo compongono quello pubblicitario (stavolta davvero Sic!). Infine, ci sarebbe il limite massimo dei cinque mux per ciascun operatore. Ma c’è un dubbio mai chiarito: questo limite riguarda i soggetti che partecipano alla gara per l’assegnazione delle ulteriori frequenze (attualmente è scritto nelle norme sul beauty contest) ovvero è diventato un principio di sistema?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

La Rai perde 105 milioni e vende Viale Mazzini

prev
Articolo Successivo

Casaleggio, gli influencer e il nuovo potere

next