Scommessa azzeccata per Vittorio Grilli. Il ministero del Tesoro per una nuova asta di Bot aveva scelto il giorno della sentenza della Corte Costituzionale tedesca, puntando evidentemente  a un esito positivo. E così è stato: l’Italia in concomitanza con il verdetto ha piazzato sul mercato tutti i Buoni ordinari del Tesoro a tre mesi e a un anno incassando 12 miliardi di euro con tassi d’interesse in picchiata.

Ne dettaglio via XX Settembre ha assegnato 3 miliardi di euro di Bot a tre mesi con un rendimento medio in calo allo 0,7% dallo 0,865 per cento e ha venduto 9 miliardi di euro di Bot a 1 anno con un tasso medio in discesa all’1,692% dal precedente 2,767 per cento.  In particolare il tasso sul Bot a un anno fa segnare il livello più basso dal 13 marzo scorso. In calo, invece, la domanda che per i titoli trimestrali è stata pari a 2,25 volte l’importo offerto, contro le 2,49 dell’asta di maggio, mentre quella per i Bot a un anno è risultata di 1,65 volte contro le 1,69 del mese scorso.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Istat, produzione industriale giù: -0,2% a luglio, -7,3% su base annua

prev
Articolo Successivo

Recessione, candore a metà

next