”Stiamo facendo ricerche in un raggio di mare vastissimo. L’obiettivo è portare in salvo il maggior numero di vite possibile”. Non dorme da 38 ore e il suo cellulare non fa che squillare, ma l’adrenalina è tanta e Giuseppe Cannarile, comandante della Guardia Costiera di Lampedusa riesce a restare lucido. E’ lui a coordinare le operazioni che la scorsa notte hanno salvato la vita a 56 migranti finiti in acqua a largo dell’isolotto di Lampione, poco più di uno scoglio nel mare delle Pelagie. I dispersi sarebbero 80.

Cosa sia accaduto realmente in questo viaggio della speranza che ancora una volta ha lasciato in acqua decine di vite umane non è chiaro.“Le persone soccorse – dice il comandante – raccontano che la barca ha ceduto”, ma del legno che avrebbe portato in Sicilia, dalla Tunisia, circa 130 tra uomini, donne e minori non c’è traccia. Per questo si valuta un’altra ipotesi terribile: “potrebbero essere stati portati vicini alle coste da un’imbarcazione – spiega – che li ha poi scaricati a poca distanza dall’isolotto costringendoli a gettarsi in mare”.

Ma la ricostruzione della dinamica dell’incidente, in questo momento, per Cannarile è secondaria. “La fase delle indagini è importante – afferma – ma ora quel che ci preme è salvare chi è rimasto in mare”. Le speranze che le 79 persone che mancano all’appello – il numero è dedotto dalla testimonianze dei superstiti, ma una sola vittima è stata trovata finora – diminuiscono col passare del tempo, anche se le forze impegnate nelle ricerche sono imponenti. Al momento a pattugliare un’area di circa 400 miglia quadrate sono un elicottero, un aereo, due motovedette della Capitaneria, una imbarcazione dei carabinieri e tre navi della Nato. “Proseguiremo anche di notte – dice Cannarile – abbiamo potenti proiettori per illuminare l’area”.

A dare l’allarme alla Guardia Costiera sono stati, ieri alle 18, i carabinieri che hanno ricevuto un sos dal cellulare di uno dei migranti a bordo. “Hanno detto che erano in difficolta” e dopo pochi minuti ci siamo messi in moto”, racconta. Sono partiti un elicottero e una motovedetta, ma gli uomini della Capitaneria non sono riusciti a vedere nulla. “Un’ora dopo – dice il comandante – si sono aggiunte altre due motovedette, poi due pattuglie della Finanza e successivamente tre navi della Nato. Era buio pesto. Solo verso le 2,30 siamo riusciti ad avvistare due uomini in mare e poco dopo gli altri. Una quarantina erano aggrappati agli scogli sull’isolotto di Lampione”. “Recuperarli – continua – è stato difficilissimo perche” non c’è una banchina vera e propria ed attraccare non è semplice”. Alla fine all’appello c’erano 56 persone. “Finora – dice il comandante – abbiamo recuperato una sola vittima, un uomo”. I migranti erano senza vestiti, impauriti, infreddoliti. “Si sono spogliati – racconta Cannarile – perche” gli abiti appesantiti dall’acqua gli rendevano difficile nuotare”. Le ricerche continuano. “Noi non ci fermiamo – assicura l’ufficiale della Guardia Costiera – Finchè c’è speranza di trovare ancora qualcuno in vita, continuiamo”. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Un paninaro anti ‘ndrangheta

prev
Articolo Successivo

Truffa da 700 mila euro, arrestata direttrice ufficio postale

next