Dal 12 al 23 settembre, torna il Milano Film Festival, l’evento dedicato al cinema indipendente internazionale. Quest’anno, le proiezioni e gli incontri in programma si svolgeranno al Teatro Strehler e in varie altre location della città (Teatro Studio, il Parco Sempione, l’Auditorium San Fedele, Anteo spazioCinema, Spazio Oberdan, Cinema Ariosto, Cinema Palestrina, Cinema Rosetum e Cascina Cuccagna). Due le sezioni del concorso: lungometraggi (con undici pellicole in gara) e cortometraggi (46 opere di autori under 40). Inoltre, sono previste numerose proiezioni fuori concorso, film in anteprima e workshop.

Film in concorso (sezione lungometraggi):

  • L’âge atomique di Héléna Klotz
  • Un gând, un vis, Doyle… şi-un pix (A Dream’s Merchant) di Bogdan Ilie-Micu
  • Tiens moi droite di Zoé Chantre
  • China Heavyweight di Yung Chang
  • Le sommeil d’or di Davy Chou
  • Chocó di Jhonny Hendrix Hinestroza
  • La Playa D.C. di Juan Andrés Arango
  • Francine di Melissa Leo
  • This Time Tomorrow di Shane Bissett
  • Toată Lumea din Familia Noastră (Everybody in Our Family) di Radu Jude
  • Il n’y a pas de rapport sexuel di Raphaël Siboni

Il prezzo dei biglietti varia dai 4 ai 7 euro, l’abbonamento a prezzo intero costa 55 euro. Il programma completo è scaricabile sul sito ufficiale dell’evento

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Del Piero va a Sydney: “E’ la scelta migliore”

prev
Articolo Successivo

Area C Milano, dal 17 settembre ritorna il ticket in centro

next