L’intervento di Roberto Formigoni al Meeting di Comunione e Liberazione.
Arrivano finalmente le risposte che tutti aspettavano da lui da quando è partito il tormentone delle Antille.

 Homo tropicalis

Perseguitato come il buon Gesù,
con corona di spine sulla fronte,
ogni dì con la croce sal lassù,
sul Golgota a scrutare l’orizzonte.

Il Celeste si vede circondato
da Di Pietro, da Grillo cinquestelle,
dai quotidiani che hanno raccontato
di certe tropicali marachelle,

la Repubblica e il Fatto Quotidiano.
Son Travaglio e Gad Lerner i capoccia
che aizzano i pm di Milano
con la bugiarda accusa di bisboccia.

Da memore di Dio quale io sono,
accetto col sorriso il sacrificio
e son lieto di chiedere perdono
così da farne un mio virtual cilicio.

Dicon che la mia sorte è a un filo appesa,
ma non san chi quel filo tiene in mano,
a me l’ha detto il capo della Chiesa,
quello che caccia i corvi in Vaticano.

Guardandomi negli occhi Benedetto
mi disse: “Freghi pure tanti sghei
poiché ogni sera, mentre vado a letto,
non scordo certo di pregar per Lei

e il Padreterno misericordioso
mi ha confermato che non c’è problema:
“Purché il Celeste non sia micragnoso,
li spartiamo col solito sistema:

a Roberto le ferie nelle Antille
e alla Chiesa una cifra equivalente,
a mo’ di tropicale otto per mille
”.
Vedendomi alla Messa penitente

ogni santa domenica gli anziani
mi metton, come segno della pace,
sulla testa le tremolanti mani,
dicendo: “Presidente, Lei ci piace

poiché si sa ch’è una persona onesta…”
ed ogni volta io ne son sconvolto
”.
Così parlò il Celeste nella festa
di Rimini e alla gente piacque molto,

divertita da tutte queste palle.
All’uscita la scorta era in attesa,
ma non erano i noti guardaspalle
e Formigoni vide con sorpresa

ch’erano quattro, ma biancovestiti.
L’han preso, l’han legato con catena
e su di un’ambulanza son saliti
mentre fischiava forte la sirena.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez