A #Bologna c’è gente che vive nelle vicinanze di Piazza Verdi, patrimonio universale dell’Unesco meta del turismo endovenoso con o senza cane, che pretende di avere il silenzio del petroniano che vive e ogni giorno muore a San Giorgio di Piano nella sua villetta a schiera con ancora 25 anni di affitto da pagare alla banca.

A Bologna la gente non sta con le mani in mano e, come da tradizione umarellica, si unisce in comitati e rompe le scatole più che può agli impotenti di turno. Di solito hanno la meglio i secondi, il popolo non è mai contato nulla e mai conterà, ma per fortuna esistono le eccezioni.

E così succede che il Tar dà ragione al popolo del “Basta! Domattina devo andare a lavorare!”, l’assessore ne prende atto e decide di non fare più niente fino ad agosto.

Decisione abbastanza semplice e condivisibile per più motivi:

– A Bologna ad agosto ci sono solo bolognesi, borderlain e paki

– Bologna non è una città turistica

– Come si sta bene ad agosto a Bologna, non si sta in nessun altro periodo

– Ci sono già i TDays

– Fa caldo, se la gente non dorme schizza

Se fosse per i bolognesi, anche l’Università dovrebbe chiudere, così non c’è più il degrado e bla bla bla bla

Tanto nessuno alzerà le barricate come in Spagna per questa sciocchezza e dai lettini della Riviera o da ogni altra località turistica il bolognese griderà “E’ uno scandalo! Si perchè a Bologna….bla bla bla bla”

Le solite cose, la solita metropoli di provincia, gli ultimi colpi di coda del benessere pre crisi.

Ci meritiamo tutto, facciamocene una ragione.

Del resto, i REDIOED non hanno suonato in Piazza Maggiore perché c’e stato il terremoto…

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Se il calcio è un gioco torniamo a giocare

next
Articolo Successivo

Non lasciamo Scarpinato da solo

next