Arrivano le consuete stime di Standard & Poor’s sull’Eurozona e come l’agenzia di rating ci ha abituato da qualche tempo, sono al ribasso con l’aggiunta di una nuova “maledizione”: secondo l’agenzia di rating (sotto inchiesta in Italia per il sospetto di destabilizzare il paese con report sballati) l’acuirsi della recessione è dovuta alla riduzione del livello di indebitamento (deleveraging) di settore pubblico, bancario e privato. Il capo economista Jean-Michel Six ha sottolineato “ci vorranno ancora molti anni per completare questo provesso di deleveraging e questo aumenta la probabilità che il 2013, nella migliore delle ipotesi, si riveli un anno di crescita molto debole”.  Nel suo rapporto l’agenzia americana vede al ribasso le stime di crescita per l’area euro (da 0% a -0,6%) del 2012, mentre intravede una timida ripresa per l’anno successivo pari al 0,4 per cento (in precedenza stimato all’1%). Per quanto riguarda l’Italia, il Pil registrerà una contrazione del 2,1 per cento nel 2012 e dello 0,4 per cento nel 2013. Il tasso di disoccupazione per Roma è ipotizzato in aumento rispettivamente del 9,9 per cento (2012) e del 10 per cento per il prossimo anno. “Italia e Spagna – ha scritto Standard & Poor’s – sono rimaste profondamente in area di contrazione economica”.

La crescita francese è attesa a 0,3 per cento quest’anno, la Spagna a -1,7 per cento, la Germania a +0,6 per cento. Nel documento si aggiunge che S&P “vede anche una possibilità del 40% che l’Europa nel 2013 ripiombi in una vera recessione, soprattutto nel caso di un rallentamento nel commercio mondiale” per via del raffreddamento di qualche economia emergente, come la Cina, o “di una prolungato mancato accesso ai mercati di capitali da parte di uno dei principali paesi dell’Eurozona”. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Stelle, greche e torri: i troppi generali al tempo della crisi

prev
Articolo Successivo

Crisi, la Germania dà l’ok alla Bce: potrà acquistare anche titoli italiani

next