Scoppia il bailamme sull’intercettazione indiretta del Capo dello Stato, al telefono con Mancino. La Corte Costituzionale viene chiamata a giudicare il conflitto fra Presidenza della Repubblica e Procura di Palermo.
Ciò che si può dire sin d’ora è che, al di là di eventuali risvolti penali tutti da provare, ammesso che li si voglia cercare, il rapporto a tre Napolitano-Mancino-D’Ambrosio non è certo stato politicamente corretto.

La smorfia

Uno scandalo enorme nel paese:
è stato intercettato il Presidente!,
ma l’irata reazion del vecchio arnese
solleva qualche dubbio nella mente.

Infatti par la legge rispettata:
l’intercettato è stato il cinghialone,
Mancino con memoria disastrata
ed accusa di falso testimone.

Malgrado ciò, l’anzian partenopeo
s’incazza come un puma furibondo
e da tutti i cantoni un corifeo
ne prende le difese. “Porco mondo,

i magistrati sono sempre eguali
e, pur di fare rispettar la legge,
le chiamate fra due vecchi sodali
non vogliono che sian ridotte in schegge!

Questo è un attacco alla Costituzione,
è di Napolitan lesa maestà,
è un atto di eversiva sedizione!

Ma che temono quei quaraquaquà?

Da fonti riservate si è saputo
che oggetto del parlar fra i due marpioni
era il gioco del lotto ed un aiuto
chiese Mancino sui numeri buoni

a Giorgio, nella smorfia assai provetto.
A Palermo mi vogliono fregare,
ma dammi sulla ruota un numeretto
e dei quattrini fammi guadagnare
“.

Napolitano i numeri ha forniti,
ma, come sempre, erano sbagliati,
su Palermo non sono proprio usciti
e i due vecchi si son perciò insultati.

Non suona certo ben che salti fuori
che un Capo dello Stato sempre al top
nell’applicar la smorfia faccia errori
e sia accusato d’aver fatto un flop.

Sarebbe un’avvisaglia disastrosa
per la giocata sulla ruota Monti:
trovar nella pallina dispettosa
il numero che ci rovina i conti!

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez