“Trattative e depistaggi: quale Stato vuole la verità sulle stragi?”. E’ questo il titolo della conferenza organizzata da AntimafiaDuemila che questa sera sarà trasmessa in streaming sul sito del Fatto quotidiano.it (segui qui la diretta) per ricordare vent’anni dopo la strage di via D’Amelio in cui furono uccisi Paolo Borsellino e gli uomini della scorta Emanuela Loi, Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli, Claudio Traina e Walter Eddie Cosina

All’incontro che si svolge nell’atrio della facoltà di Giurisprudenza di Palermo intervengono Salvatore Borsellino, il sostituto procuratore di Palermo Antonio Ingroia, il presidente dell’Associazione nazionale magistrati di Palermo Antonino Di Matteo, il procuratore generale presso la Corte di Appello di Caltanissetta Roberto Scarpinato, il procuratore aggiunto di Caltanissetta Domenico Gozzo, e i giornalisti Saverio Lodato e Giorgio Bongiovanni. Presenti anche Rita Borsellino, l’eurodeputata Sonia Alfano, il sindaco di Palermo Leoluca Orlando e del preside della facoltà Antonio Scaglione. A moderare la conferenza sarà Anna Petrozzi.

Anche quest’anno, come nei tre anni passati, Palermo è luogo di una manifestazione organizzata dall’Associazione “le Agende Rosse” in collaborazione con AntimafiaDuemila e Il Fatto Quotidiano, articolata in una serie di iniziative (qui il programma completo) che avranno l’obiettivo di chiedere verità e giustizia sulle stragi e sostenere tutti i servitori dello Stato che nel corso di questi anni si sono impegnati affinché la nostra Costituzione fosse tradotta in fatti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il Paese “normale” che non cura i bambini leucemici

next
Articolo Successivo

La dignità dell’asino “Alle falde del Kilimangiaro”

next