Moody’s Investors Service declassa il merito creditizio dell’Italia di due livelli a causa del deterioramento delle prospettive economiche e politiche del paese, il costo dei finanziamenti prima diminuisce all’asta del Tesoro che segue di poche ore l’annuncio ma poi il rendimento del Btp decennale torna a salire e si stabilizza sopra al 6 percento.

Ospite in collegamento: Gianluca Braguzzi – Responsabile finanziario di PairsTech Capital Mgmt a Mantova: “È un brutto segnale quando il Btp perde quota mentre l’azionario recupera, prelude a una nuova fase di difficoltà per le prossime aste e annuncia una serie di problematiche che senza ripresa di ciclo produttivo e occupazione possono solo peggiorare”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Moody’s e il declassamento ‘preventivo’ del debito italiano in vista del 2013

prev
Articolo Successivo

Crisi, crollano i mutui per la casa: giovani under 35 e immigrati i più penalizzati

next