Italia-Spagna 0-4: fine di un sogno, quello degli Azzurri di alzare la coppa a 44 anni di distanza dall’unica vittoria a Roma nel 1968. E fine di un’epoca: con il trionfo delle Furie Rosse di ieri salutiamo Euro2012 e gli Europei per come li abbiamo conosciuti negli ultimi venti anni. Dal 2016, infatti, si cambia.

La rivoluzione dipenderà dal numero delle squadre partecipanti: che passa dalle attuali 16 a 24, con tutte le conseguenze del caso. Una decisione ratificata dal Comitato Esecutivo Uefa nel 2008, e che ha avuto come principale promotore Michel Platini. Sono anni, infatti, che le scelte del Presidente dell’Uefa si muovono in questa direzione: estendere il più possibile alla periferia del continente gli orizzonti del calcio europeo. Il primo passo è stato quello di rivoluzionare il meccanismo dei preliminari di Champions League, in modo da privilegiare le squadre vincitrici dei tornei nazionali di seconda fascia rispetto alle terze e quarte classificate di Inghilterra, Spagna, Italia e gli altri campionati di vertice. In questo modo è stato possibile che nelle ultime edizioni dell’ormai ex Coppa dei Campioni trovassero spazio gli slovacchi dello Zilina o i ciprioti dell’Apoel Nicosia (protagonisti per altro di un clamoroso exploit, con il raggiungimento dei quarti di finale).

Adesso è la volta degli Europei. Dal 2016 ci saranno 8 squadre in più ammesse alla fase finale, e questo concederà una chance a tanti Paesi “minori” (in particolare dell’Est) che raramente fino ad oggi sono riusciti a qualificarsi. “Credo che l’Europa abbia i mezzi per proporre 24 squadre di alto livello – ha dichiarato Platini -. Quando una federazione nazionale partecipa a un torneo è orgogliosa di farlo e può sfruttare l’occasione per promuovere il calcio, per favorire la crescita della propria nazionale e anche quella dei propri giovani calciatori”. E così sarà.

Del resto, quella della Coppa Henry Delauney (dal nome del suo ideatore) è una storia fatta di continue modifiche e aumenti del numero delle partecipanti. Nel 1960 erano solo quattro le nazionali ammesse alla fase finale della prima edizione (organizzata proprio dalla Francia, come la prossima). Divennero otto nel 1980, e tali rimasero fino ad Euro ’96, quando in Inghilterra fu inaugurata la più recente formula a 16 squadre che ieri è andata ufficialmente in pensione.

Merito del progressivo innalzamento del tasso qualitativo del calcio europeo a ogni latitudine, come ha sottolineato il presidente dell’Uefa. Ma anche degli interessi dello show-business: 24 squadre vogliono dire 51 partite totali, ben 20 in più dell’ultima edizione, e molti più introiti dai diritti televisivi, considerando che tutte le emittenti nazionali dei Paesi partecipanti pagheranno per trasmettere l’intera manifestazione.

Così, fra quattro anni assisteremo a degli Europei molto diversi. E molto più simili ai Mondiali rispetto al passato, nel bene e nel male. A partire dalle qualificazioni, che dovrebbero diventare una pura formalità per le grandi squadre: fino a ieri, infatti, dei 9 gironi si qualificavano solo le prime, e le 8 migliori seconde si giocavano tutto agli spareggi. Adesso, passeranno le prime e anche le seconde, e saranno addirittura le terze ad andare ai play-off. Se questo meccanismo fosse stato applicato già nell’ultima edizione, a Euro 2012 si sarebbero qualificate nazionali come Estonia e Montenegro, Armenia o Israele.

E ciò influirà non poco anche sulla fase finale. Gli Europei – da sempre un torneo iper-competitivo che riservava già nei primissimi giorni scontri diretti e decisivi fra le big del calcio continentale (si pensi a Spagna-Italia, Germania-Olanda e Francia-Inghilterra, quest’anno tutte giocate nella prima settimana) – in futuro entreranno veramente nel vivo solo a partire dai quarti. Le squadre materasso abbonderanno nella fase a gironi, da cui usciranno qualificate tutte le prime e le seconde, nonché le migliori terze; e per la prima volta verranno introdotti gli ottavi di finale.

Insomma, sarà un torneo più lungo ma meno intenso e logorante, con una durata minima di un mese ed un bacino di pubblico ancora maggiore, davvero paneuropeo. Sia fatta la volontà di sua maestà Michel Platini: non a caso, da giocatore era soprannominato “Le Roi”.

Ma con la formula nuova come con la vecchia, i super favoriti saranno sempre loro: gli spagnoli campioni di tutto ed entrati nella storia con il Triplete (Euro 2008, Mondiali 2010, Euro 2012) che mai a nessuno era riuscito prima. La sfida è già lanciata: ci sono quattro anni per prepararsi al meglio. E un Mondiale di mezzo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Calcio, “Morosini ucciso da una cardiomiopatia congenita”

next
Articolo Successivo

(N)Euro 2012 – Il meglio, ma soprattutto il peggio del torneo di Polonia e Ucraina

next