Il terremoto sconvolge Ferrara sotto le stelle. La rassegna di concerti in Piazza Castello, che sarebbe dovuta iniziare già il 15 giugno scorso, verrà ulteriormente impoverita dalla cancellazione del concerto di Charlotte Gainsbourg che si sarebbe dovuto svolgere lunedì 25 giugno.

Già ieri i live delle band in cartellone avevano subito lo spostamento obbligato da Piazza Castello al Motovelodromo. Oggi l’ultimo duro colpo per una città che su questa manifestazione punta da diversi anni con risultati riconosciuti internazionalmente.

Colpa del terremoto, o meglio: per la paura di future scosse. L’Arci di Ferrara, fino a questo pomeriggio introvabile, ha dichiarato che non si è trovato in tempo un nuovo luogo in cui far esibire la figlia di Serge Gainsbourg e Jane Birkin, nonché musa di Lars Von Trier.

Confermati al Motovelodromo gli altri concerti di Ferrara Sotto le Stelle: Paul Weller (11 luglio), Kasabian (14 luglio) e Bon Iver (19 luglio). Ancora in forse la data di Soap & Skin del 20 luglio, prevista ancora in piazza Castello. Infine gli Afterhours che saranno anch’essi al Motovelodromo il 22 luglio, dopo essere stati posticipati da concerto inaugurale a ultimo della rassegna. I biglietti già acquistati per il loro concerto sono validi per la nuova data, o rimborsabili entro il 4 luglio. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Terremoto, l’azienda biomedicale Gambro non molla: “Ricominciamo da qui”

next
Articolo Successivo

Il padre di Federico: “Ora respiro aria di giustizia”

next