Di fronte alla Nazionale che si gioca i quarti agli Europei di Polonia e Ucraina non c’è Consiglio comunale che tenga. Tanto vale concedere ai consiglieri un proiettore e qualche pausa tecnica per tenere d’occhio il risultato. Devono aver pensato questo al Comune di Milano, dove la partita degli azzurri è stata trasmessa in una sala attigua a quella consiliare, mentre in Aula si discuteva di addizionale Irpef. Tanto è bastato perché due giovani e riccioluti consiglieri comunali ingaggiassero un botta e risposta che in rete sta già facendo discutere. A lanciare il suo j’accuse è l’unico consigliere del Movimento5Stelle al Comune di Milano: “Se questo è il rispetto delle istituzioni, vado a mangiare normalmente a casa”, ha scritto il ventunenne Mattia Calise su Facebook, allegando la foto di alcuni colleghi col fiato sospeso di fronte alla partita. Immediata la replica del coetaneo in quota Pd: “Bravo, hai sbattuto il mostro in prima pagina”, replica dal suo blog il 24enne Emanuele Lazzarini, “ma il populismo ha le gambe corte”.

Nella lettera indirizzata a Calise, Lazzarini esorta il collega ad essere più raffinato nella scelta degli argomenti: “Il guaio di questo sistema gravemente malato non è certo il fatto che il consigliere Taldeitali si è assentato per qualche minuto dall’aula per guardare uno spezzone di partita”, spiega il consigliere del Pd, “quanto invece l’insieme di regole e prassi folli che hanno permesso che il non-rispetto delle istituzioni democratiche, della dialettica, dei tempi della politica e della vita, sia diventato la normalità. E’ così che la “fuga dall’aula” – prosegue – oltre che normale, diventa desiderabile e anzi, quasi vitale. Per legittima difesa”. In particolare, Lazzarini se la prende con il regolamento consiliare e con l’ostruzionismo praticato dall’opposizione di centrodestra, e aggiunge: “Su queste battaglie, caro Mattia, sarò con te, sempre”.

Ma il destinatario non ci sta, e già durante il Consiglio di ieri chiedeva conto di una sospensione di un’ora e mezza che avrebbe permesso a maggioranza e opposizione di “mettersi d’accordo nei corridoi”. “Le decisioni vanno prese in Aula, dove tutto viene verbalizzato e trasmesso in streaming“, sostiene Calise, che domanda alla maggioranza: “Se assentarsi per la partita è lecito, perché avete bocciato la sospensione di mezz’ora che avrebbe almeno permesso di cenare a chi, unico consigliere del M5S, lavora da solo?”.

Nel frattempo il post di Mattia Calise su Facebook ha superato i duecento commenti. E il dibattito è vivace. “Non saranno 90 minuti a cambiare il nostro futuro”, scrive Giuseppe, che attacca il M5S: “Solo i grillini possono abbassarsi a questo livello di stupidità”. Tutt’altra opinione quella di Ercole: “Non se ne può più della strafottenza dei politici”, scrive unendosi a quanti invitano Calise a inviare la foto al sindaco Giuliano Pisapia. Ma tra i commenti spuntano quelli di un consigliere che davanti al proiettore si è seduto. “A fare la figura dello sfaticato non ci sto”, chiarisce subito Gabriele Ghezzi, poliziotto eletto nelle fila del Pd. “Al mattino esercito la professione del poliziotto e di pomeriggio, tra commissioni e consigli arrivo a casa non prima di mezzanotte, quando va bene”. E paragonando la foto di Calise ai cappi leghisti di fine Prima Repubblica, attacca: “Non mi sento una merda se ogni tanto sbirciavo un evento sportivo, invece di sentire ripetere le solite e le stesse litanie di chi fa una opposizione becera”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Napoli, Narducci “processa” de Magistris Ma ora rischia l’assessore alle Finanze

prev
Articolo Successivo

Como, via il dialetto comasco da segreteria comunale. Lega: “Offesa per i cittadini”

next