Ancora l‘Agenzia delle Entrate nel mirino. Una bomba artigianale è stata fatta esplodere nella notte davanti all’ingresso della nuova sede dell’ente a Lamezia Terme (Catanzaro). La deflagrazione dell’ordigno di medio potenziale costruito con polvere pirica, ha provocato danni alla vetrata d’ingresso rompendo anche la parte in alluminio della porta. Sull’episodio indagano gli investigatori della polizia di Stato intervenuti sul posto dopo una segnalazione.

Al momento non c’è stata alcuna rivendicazione, né sono state trovate scritte o segni di alcun genere sulle pareti. L’edificio che ospita gli uffici territoriali si trova in una zona centrale della città. All’interno dell’immobile che è stato inaugurato da pochi mesi, entro breve tempo, dovrebbero essere ubicati anche gli uffici locali di Equitalia. L’esplosione dell’ordigno artigianale che ha mandato in frantumi la vetrata d’ingresso, avvenuto intorno alle tre, è stato avvertito distintamente. Sul posto sono immediatamente intervenuti i poliziotti e gli specialisti della scientifica che hanno effettuato tutti rilievi del caso. Nel mese di maggio erano stati moltissimi gli episodi di violenza nei confronti di chi riscuote le tasse tanto da spingere lo stesso presidente del Consiglio Mario Monti ad andare in vista nella sede centrale e dichiarare pubblicamente sostegno e vicinanza. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ddl sui servizi segreti: sì a intercettazioni su Tav e sicurezza informatica

prev
Articolo Successivo

Non c’è pace per Fossoli

next