Com’era avvenuto a Basiano (Mi) lo scorso 11 giugno, anche ai magazzini Ikea di Piacenza la trattativa sindacale è stata spezzata dall’intervento delle forze dell’ordine.

Verso le 8 di questa mattina, quando era attesa un’ispezione per verificare se quanto denunciato ieri dai lavoratori fosse vero (in particolare per i carichi ai quali sono sottoposti), sono intervenuti polizia e carabinieri in tenuta antisommossa per rimuovere il blocco dei cancelli. Non sono mancati momenti di tensione, visto che i facchini erano pronti a continuare lo sciopero a oltranza, supportati dal sindacato Si Cobas.

Ora i camion hanno ripreso a circolare mentre i lavoratori mantengono un presidio e davanti allo stabilimento si stanno svolgendo comizi e assemblee dalle quali si saprà la nuova strategia che adotteranno per continuare a trattare sui loro diritti.

Il negoziato, nel frattempo, si è arenato sulla rappresentatività dei 200 facchini, per la maggior parte stranieri, che operano nei magazzini della nota multinazionale svedese. Le cooperative, infatti – Cristal, San Martino ed Euroservice – non riconoscono i Si Cobas come interlocutore e vorrebbero trattare solo con Cgil, Cisl e Uil. I facchini, però, sono al 90 per cento iscritti al sindacato intercategoriale. 

di Gianmarco Aimi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Parma, parla l’ex sindaco Vignali: “Io, capro espiatorio di amici e nemici”

next
Articolo Successivo

Monti domani a Bologna, scatta il divieto di manifestare in centro

next