Rapimento lampo per il 28enne nigeriano Christian Obodo, centrocampista del Lecce ma tesserato per l’Udinese, rapito il 9 giugno scorso da 4 uomini armati a Warri, sua città natale del delta del Niger. E’ stato liberato nel corso della notte di domenica scorsa. 

Le autorità nigeriane hanno confermato il rilascio del calciatore e il commissario di polizia Ikechukwu Aduba dello Stato sud orientale del Delta che ha dato alla stampa i dettagli della liberazione. Obodo è stato rilasciato dopo un’operazione lanciata domenica notte, sta bene e non è rimasto ferito nel blitz; gli agenti hanno poi aggiunto di aver catturato anche alcuni dei rapitori, per ora otto e che nessun riscatto è stato pagato ai sequestratori.

Obodo, sabato scorso si trovava al volante della sua auto ed è stato raggiunto da un commando mentre si recava in chiesa. Peraltro proprio ieri altre violenze sono state commesse nei confronti dei cristiani: dopo gli attentati in due chiese in una zona del nord-est del Paese sono morte 9 persone. Poi di lui nessuna notizia fino a domenica notte. Per la polizia locale: “E’ stata proprio l’automobile con targa personalizzata ad attrarre l’interesse dei rapitori”. Già il giorno stesso del sequestro i famigliari avevano fatto sapere di essere in contatto con i rapitori, che chiedevano 150mila euro per la sua liberazione. Il caso non è isolato: altri calciatori di origine nigeriana (o loro familiari) che militano nei campionati europei di calcio sono finiti nel mirino di gang di sequestratori. Lo scorso anno è stato rapito per esempio nello stato di Plateu (nella Nigeria centrale) il padre del centrocampista del Chelsea, Mikel Obi. Il sequestro si è concluso dopo pochi giorni con la liberazione dell’ostaggio e l’arresto dei rapitori.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Francia, dopo il primo turno Hollande verso la maggioranza assoluta

next
Articolo Successivo

Mosca, domani manifestazione anti-Putin. Perquisizioni e arresti della polizia

next