Christian Obodo, centrocampista nigeriano dell’Udinese e quest’anno al Lecce, è stato rapito stamani da 4 uomini armati a Warri, una città del suo Paese natale. Seconto quanto riferisce la stampa nigeriana Obodo si trovava al volante della sua auto ed è stato raggiunto da un commando mentre si recava in chiesa, nella sua città natale di Warri. Il fratello del calciatore, Kenneth Obodo rassicura: “Christian sta bene, siamo in contatto con i rapitori che vogliono un pò di soldi”.

I rapitori hanno telefonato a casa della madre del giocatore chiedendo un riscatto di circa 150mila euro, come ha riferito Obidike Okechukwu, marito della sorella del calciatore. Okechukwu, che vive a Udine, ha precisato di avere appreso del sequestro da sua moglie che è giunta in Nigeria. La madre del centrocampista, stando alla versione del cognato, avrebbe risposto ai rapitori che oggi le banche sono chiuse e che, dunque, non c’è la possibilità materiale di pagare il riscatto.

Fonti della polizia nigeriana confermano l’accaduto. Gli agenti hanno aggiunto che con ogni probabilità “è stata proprio l’automobile con targa personalizzata ad attrarre l’interesse dei rapitori”. Il caso non è isolato: altri calciatori di origine nigeriana (o loro familiari) che militano nei campionati europei di calcio sono finiti nel mirino di gang di sequestratori. Lo scorso anno è stato rapito per esempio nello stato di Plateu (nella Nigeria centrale) il padre del centrocampista del Chelsea, Mikel Obi. Il sequestro si è concluso dopo pochi giorni con la liberazione dell’ostaggio e l’arresto dei rapitori.

Il rapimento avvenuto è avvenuto nella turbolenta regione del delta del fiume Niger che sin dagli anni Novanta è scossa da una serie di scontri e contrasti etno-politici. La causa delle tensioni risiede negli interessi economici contesi tra le multinazionali produttrici di petrolio, il governo nigeriano ed un numero di gruppi etnici della zona del delta che si sono sentiti defraudati e sfruttati, in particolare il gruppo degli Ogoni e quello degli Ijaw, supportati da gruppi paramilitari.

La città di Warri invece è relativamente tranquilla; la popolazione è composta da varie etnie che hanno quasi sempre convissuto pacificamente. Tuttavia nel 1997 la suddivisione della zona in Local Government Areas, condotta per garantire una rappresentanza locale ai diversi gruppi etnici, scatenò alcune tensioni, soprattutto tra due gruppi etnici. I disordini causarono centinaia di morti, e sei installazioni petrolifere della Shell Nigeria furono occupate dai rivoltosi, creando un crollo nella produzione.