Papilio-machaonCi siamo incontrate una sera tre anni fa nello studio televisivo di “Linea notte”, o meglio “scontrate” io ed Emma Bonino. Avevo i tacchi alti e lei finì con la testa contro il mio ombelico. Alla piccola donna sfugge una risata che mi affranca dall’imbarazzo. Poi Bianca Berlinguer ci invita a raggiungere i nostri sgabelli. Stiamo per andare in onda.

Le mani sudano mentre tormento la copertina del mio primo romanzo. Il mio debutto.

Emma Bonino comincia a parlare a me toccherà più tardi, in coda al programma. Racconta della situazione in Medio Oriente. E di quanta importanza avrebbe la parola democrazia in quei luoghi per scongiurare il rischio di guerre “preventive” o di “civiltà”.

L’ascolto. M’incanta.

Bianca incalza sulla “questione femminile” in ambito europeo. E la voce sicura di quella piccola donna s’infiamma mentre parla della battaglia che ha sferrato in Parlamento Europeo contro una pratica in uso nei paesi africani che solo a pronunciarne la parola ragazzi miei, spaventa: Infibulazione

Mi accorgo che sono serena ora. L’impegno maestoso di questa piccola grande donna mi ha distratto dal mio particolare, per volare insieme a lei nell’universale.

Vi ho raccontato di questo incontro ragazzi e delle mie emozioni, perché in un momento storico come quello che stiamo vivendo, il profumo di “merito” è cosa assai rara.

Quella notte l’ho sentito. Forte. Prepotente. Inebriante. E non l’ho più scordato.

Mi piacerebbe che Emma Bonino volasse come una farfalla in alto, nei palazzi della Presidenza della Repubblica.

Si. Mi piacerebbe proprio. E a voi?

Ps: mentre vi scrivo i senatori radicali (Emma compresa) sono usciti dall’aula del Senato per protestare contro le nomine dell’Agcom. Denunciano mancanza di trasparenza.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Domande agli uomini sulla sessualità

prev
Articolo Successivo

194, quel numero che non va giù

next