Uno vale uno. Siamo tutti uguali. Decidono i cittadini e non esistono vertici. Questo il mantra del Cinque Stelle.

Sarà anche così, ma nel movimento c’è almeno una eccezione. Riguarda Valentino Tavolazzi, consigliere comunale a Ferrara. Come abbiamo già scritto su questo blog (“Epurazioni a cinque stelle”) Tavolazzi, a detta di molti 5S è il “più bravo” dei consiglieri comunali eletti dal movimento (Grillo appoggiò la sua lista civica), il più competente: fino ad poco tempo fa sempre a fianco di Grillo in numerose occasioni pubbliche a ricoprire il ruolo del “tecnico competente”.

Poi è successo, a marzo, che alcuni simpatizzanti Cinque Stelle abbiamo organizzato a Rimini un incontro per interrogarsi su come rafforzate la democrazia nel movimento. Tavolazzi vi partecipò, e per lui e gli altri partì all’istante una bella scomunica grillesca con la quale vennero espulsi dal movimento.

Veniamo ad oggi. Dopo l’incredibile successo di Federico Pizzarotti a Parma, Tavolazzi si è candidato a direttore generale del comune della città (lui smentisce, ma non è escluso che a volergli dare questo ruolo ci stia pensando lo stesso Pizzarotti). Tavolazzi avrebbe tutte le carte in regola per svolgere quel ruolo: sia la competenza che la stessa visione “politica” del neo-sindaco. Però, secondo Grillo, il sindaco Pizzarotti non può decidere da solo i destini della sua Parma. Questa mattina è partita un’altra scomunica, sempre dal blog di Grillo: “A Tavolazzi – scrive il blogger – è stato inibito l’uso congiunto del suo simbolo con quello del MoVimento 5 Stelle qualche mese fa”. La sua nomina “è una scelta impossibile, incompatibile e ingestibile politicamente. Mi meraviglio che Tavolazzi si ripresenti ancora sulla scena per spaccare il MoVimento 5 Stelle e che trovi pure il consenso di un consigliere dell’Emilia Romagna” (il bravo – a questo punto forse troppo – Giovanni Favia? chiediamo noi).

Non finisce qui. Grillo invita “chiunque fosse interessato alla posizione invii il suo curriculum a questa mail”. Il link porta ad un form per a segnalazioni su BeppeGrillo.it. Vi sembra normale? Vi sarebbe sembrato normale se, appena eletto Luigi De Magistris sindaco di Napoli, Antonio Di Pietro avesse chiesto a chi volesse diventare assessore nel comune partenopeo, di mandare un curriculum alla sua mail personale?

La situazione, per ora è di stallo: quando bisogna confrontarsi sui fatti, d’altronde, gli insulti e le epurazioni servono a poco. Sarà interessante però vedere cosa sceglierà Pizzarotti, e vedere anche come si comporterà Grillo se i suoi cittadini, ora amministratori, sceglieranno di testa loro come trasformare in realtà, la “nuova politica”.

twitter.com/fedemello

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Maroni: “Al Congresso la Lega deciderà se lasciare il Parlamento”

next
Articolo Successivo

I conti con Grillo

next