Si è costituito a Milano l’uomo che ha ridotto in fin di vita un giovane, con diverse coltellate alla gola, per una precedenza mancata. Il fatto è accaduto questo pomeriggio a Milano, la vittima è uno immigrato di origini marocchine di 30 anni stava attraversando viale Jenner in compagnia di un amico quando si è imbattuto in uno scooter, guidato da un giovane italiano. E’ nata una discussione che sembrava essere finita lì. Poco dopo però i due stranieri che intanto avevano raggiunto piazzale Nigra sono stati raggiunti dal motociclista che ha estratto un coltello e ferito il marocchino per poi darsi alla fuga. Il giovane ora è ricoverato all’ospedale San Raffaele dove è stato trasportato in codice rosso e la sua prognosi è riservata.

Un ragazzo milanese di 21 anni si è poi presentato al commissariato di Quarto Oggiaro dichiarando di essere l’autore del ferimento del marocchino in piazzale Nigra, a Milano. In questo momento è in corso l’interrogatorio del giovane per valutare la sua posizione. Non è ancora del tutto chiaro il motivo dell’accoltellamento.

L’aggressione è avvenuta alla presenza di almeno due testimoni oculari. La vittima era in compagnia di un connazionale regolare in Italia che ha confermato la versione dell’altro testimone, un passante. L’italiano sarebbe sceso dal motorino davanti alla fermata dell’autobus di piazza Nigra dopo un diverbio iniziato in viale Jenner. Ha afferrato la vittima sferrandogli diverse coltellate alla gola. I testimoni lo hanno visto allontanarsi sul motociclo in direzione di via Lancetti. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Attentato di Brindisi, tutti in piazza per Melissa: “Noi non abbiamo paura”

prev
Articolo Successivo

Rizzotto, dopo 64 anni i funerali di Stato: “Corleone non è solo Riina e Provenzano”

next