Una fiaccolata e una lunga catena umana che ha cinto il Palazzo di giustizia di Palermo per ricordare Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e gli uomini della scorta a vent’anni dalla strage di Capaci. L’iniziativa è del comitato 23 maggio, che raccoglie parecchie associazioni antimafia e d’impegno civile. Massiccia la partecipazione della cittadinanza e anche di alcuni magistrati della procura palermitana, come Vittorio Teresi, Nino Di Matteo e Antonio Ingroia. Presente nella folla l’ex procuratore capo di Palermo Giancarlo Caselli. Il ministro della Giustizia Paola Severino, uscendo dal palazzo, si è voluta fermare per ringraziare i partecipanti “perché con questo gesto danno tanta forza ai magistrati, la cosa mi ha particolarmente impressionato è il fatto che ci siano parecchi giovani che non hanno vissuto quei momenti” di Giuseppe Pipitone e Silvia Bellotti

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

E dopo B. Monti elogia anche Brunetta

next
Articolo Successivo

Critical mass, l’altra mobilità possibile senza automobili

next