Una fiaccolata e una lunga catena umana che ha cinto il Palazzo di giustizia di Palermo per ricordare Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e gli uomini della scorta a vent’anni dalla strage di Capaci. L’iniziativa è del comitato 23 maggio, che raccoglie parecchie associazioni antimafia e d’impegno civile. Massiccia la partecipazione della cittadinanza e anche di alcuni magistrati della procura palermitana, come Vittorio Teresi, Nino Di Matteo e Antonio Ingroia. Presente nella folla l’ex procuratore capo di Palermo Giancarlo Caselli. Il ministro della Giustizia Paola Severino, uscendo dal palazzo, si è voluta fermare per ringraziare i partecipanti “perché con questo gesto danno tanta forza ai magistrati, la cosa mi ha particolarmente impressionato è il fatto che ci siano parecchi giovani che non hanno vissuto quei momenti” di Giuseppe Pipitone e Silvia Bellotti

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

E dopo B. Monti elogia anche Brunetta

next
Articolo Successivo

Critical mass, l’altra mobilità possibile senza automobili

next