“Friend… I believe that same-sex couples should be allowed to marry… that gay and lesbian Americans should be treated fairly and equally”. Quando questa mattina ho iniziato a leggere la mail che Barack Obama ha inviato agli iscritti alla sua newsletter il mio primo pensiero è stato per Carlo Giovanardi, ex sottosegretario alla presidenza del Consiglio.

Non serve la traduzione per comprendere l’incipit del messaggio: il presidente Usa è favorevole alle nozze gay. “Nel corso degli anniha detto in un’intervista con la tv Abcho potuto parlare e conoscere gente del mio staff con partner dello stesso sesso, che ha cresciuto i figli insieme. Quando penso ai nostri soldati, ai nostri aviatori, ai nostri marinai che hanno dovuto lottare tanto per i loro diritti. Sì, a un certo punto ho concluso che per me personalmente è importante andare avanti e affermare che le coppie dello stesso sesso hanno il diritto di sposarsi”.

Come avrà reagito alla notizia Giovanardi, quello secondo cui:
“L’Olocausto dei gay non c’è mai stato”.
“Ci sono organi costruiti per ricevere e organi costruiti per espellere”.
“Un bacio tra omosessuali è come fare pipì in strada”.
“Nei Paesi in cui sono state legalizzate le adozioni di bambini da parte delle coppie gay è esplosa la compravendita di bambini e bambine” .
“Il matrimonio tra gli omosessuali è fuorilegge”.
“Fuori i gay dall’esercito”.

Ho spulciato tra le agenzie stampa sicuro di trovare rabbiose e sdegnate dichiarazioni nei confronti di Obama. Nessuna reazione (per adesso). La botta deve essere stata troppo pesante anche per un lapidario commento a caldo.
L’unica nota di agenzia di Giovanardi era in materia di sperimentazione dei farmaci sull’uomo: “Vanno testati sugli animali prima che sui malati…”
Sollievo nella comunità gay.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Matrimoni gay, la lettera che non arriva…

next
Articolo Successivo

Il “multitasking” è una bufala

next