Riuscire ad essere incisivi a livello di marketing sia online che offline è la sfida maggiore che tutte le grandi marche si trovano ad affrontare nell’era di internet. Ogni informazione, così come ogni nuovo prodotto, approda sulla rete e si diffonde ad una velocità imparagonabile all’ormai obsoleto “volantino pubblicitario”, ed è proprio in questa direzione che ha investito la C&A. Società fondata in Europa ma presente sul mercato a livello mondiale, distribuisce abiti e collezioni in esclusiva portando l’abbigliamento a un livello successivo.

Con “Fashion Like” lo shopping si fa “social” con un progetto che, per ora attivo solamente in Brasile, promette di rivoluzionare completamente il concetto di tendenza. La componente brasiliana di C&A ha infatti creato un’applicazione, che sfrutta il progetto italiano “Arduino”, con cui gli utenti di Facebook possono valutare in diretta le nuove collezioni cliccando sulle fotografie dei vestiti. Ad ogni “mi piace” ricevuto sul social network per eccellenza, si modificherà il display degli appendini esposti in negozio: il cliente potrà così valutare in modo immediato se quel determinato capo d’abbigliamento è apprezzato dalla rete o meno.

Se i puristi dell’originalità potrebbero inorridire di fronte ad un capo visto, apprezzato e “linkato”, sicuramente dal punto di vista tecnologico rappresenta una vera innovazione. Oltre a condizionare i più comuni aspetti della vita di ogni giorno, Facebook diventa così parte integrante di una scelta arrivando quindi anche ad influenzare sull’acquisto di un nuovo capo d’abbigliamento. Una sfida sicuramente ambiziosa che, se da una parte aumenta la visibilità per l’azienda, dall’altra potrebbe rivelarsi un’arma a doppio taglio portando direttamente al fallimento un’intera linea di capi in base al numero di “like” ricevuti. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il piacere di sapere come funziona Skype

prev
Articolo Successivo

McAfee arrestato in Belize: liberato dopo 14 ore grazie a intervento Usa

next