Roberto Libertà, figlio terzogenito di Umberto Bossi non usa mezzi termini per descrivere lo scandalo che ha travolto la Lega Nord: “Sono schifato, a dir poco. Purtroppo viviamo in questo Paese di merda”.

Nei giorni scorsi è spuntata un’altra proprietà immobiliare a disposizione dei Bossi. Oltre alle case sulle quali si sono concentrate le indagini delle procure di Reggio, Napoli e Milano, c’è anche una fattoria che sarebbe stat acquistata proprio per Roberto Libertà e intestata a sua madre Manuela Marrone.

Inoltre il 21enne figlio di Bossi è stato da poco condannato dal giudice di pace di Gavirate, per aver lanciato un gavettone carico di candeggina a un militante di Rifondazione comunista nel marzo del 2010.

Il settimanale Diva e donna, in edicola domani, ha anticipato alcune parti del servizio dal titolo “Bossi, la famiglia”, illustrato con una fotografia esclusiva di Renzo Bossi in posa con la coppola. L’immagine – riferisce il settimanale – è stata scattata durante il primo viaggio al Sud del figlio del Senatur, nell’aprile 2011: il Trota aveva visitato Favara, in provincia di Agrigento, paese natale del bisnonno materno Calogero Marrone.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lettera aperta a
Paolo Cucchiarelli

prev
Articolo Successivo

Milano, un gruppo di no Tav “occupa” la sede del Corriere della sera in via Solferino

next