Mario Vattani non doveva essere richiamato in Italia. Lo ha deciso la I sezione del Tar del Lazio, confermando la sospensione dell’esecuzione del decreto con il quale il ministero degli Esteri lo aveva rimpatriato. Il ricorso nel merito sarà trattato il 21 novembre.

Il console in Giappone aveva suscitato grandi polemiche per aver partecipato a un concerto di Caspound del maggio 2011. Il richiamo di Vattani era stato formalizzato a metà febbraio dalla Farnesina. Il 15 marzo il Tar sospese fino all’udienza di ieri l’esecuzione del provvedimento di rientro in Italia.

I giudici hanno rilevato oggi che la motivazione del Ministero degli Affari Esteri in merito all’opportunità del richiamo in patria di Vattani “si diffonde sul pregiudizio che le vicende di che trattasi avrebbero indotto sull’immagine dello Stato e sui connessi ‘superiori interessi”. Non solo, la I sezione del Tar ha aggiunto “come non venga dato alcun conto di elementi di giudizio e/o di valutazione che abbiano concretamente dimostrato il paventato discredito per l’immagine e gli interessi dello Stato”. Constatando la consistenza “del pregiudizio lamentato dal ricorrente per effetto dell’esecuzione degli atti gravati”, l’effetto è quello di accogliere le richieste del ricorrente, sospendendo l’esecuzione degli atti contestati”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, il litorale di Ostia pronto ad ospitare la pista da sci voluta dal Pdl

next
Articolo Successivo

La storia di Umberto Bossi: dalla secessione della Padania all’alleanza con Berlusconi

next