Conto alla rovescia per la concorrenza ferroviaria in Italia. Il 28 aprile debutta Italo, il treno ad altissima velocità di Nuovo Trasporto Viaggiatori, la società privata presieduta da Luca Cordero di Montezemolo. Napoli-Roma-Firenze-Bologna-Milano sarà la prima tratta. A Bologna, la sede logistica operativa della società, è stata già aperta la prima sala d’attesa. Dal concorrente Ferrovie dello Stato il “benvenuto”, con l’auspicio dell’ad, Mauro Moretti, “che sia una buona sfida a favore dei clienti finali”.

A cinque anni e mezzo dalla nascita (dicembre 2006), e in attesa di correre sui binari, Ntv si prepara all’appuntamento del 12 aprile per svelare politica dei prezzi e sviluppo graduale del servizio; dal 15 si potranno acquistare i biglietti. Entro fine anno sarà completata l’offerta sulle due linee Salerno-Torino e Roma-Venezia, con la flotta al completo di 25 treni Alstom Agv, detentore del primato di velocità ferroviaria.

Con la liberalizzazione del trasporto ferroviario, per la prima volta al mondo sulle linee dell’alta velocità un operatore privato, con un investimento interamente privato di un miliardo di euro – Diego Della Valle, Luca di Montezemolo e Gianni Punzo (con quote paritetiche del 33,5%), Intesa SanPaolo (20%), Sncf (le ferrovie francesi 20%), Assicurazioni Generali (15%), Alberto Bombassei (5%), Isabella Seragnoli (5%), Giuseppe Sciarrone che è l’ad (1,5%) – porta la concorrenza in Italia.

La sfida, spiega Ntv, “è conquistare i viaggiatori con tecnologie all’avanguardia, qualità dei servizi e proposte di viaggio per tutte le tasche”. A bordo, televisione in diretta (novità mondiale), cinema con film anche in prima visione e in anteprima, wi-fi gratuito, confort e ristorazione affidata a Eataly (ristorazione di qualità e prezzi accessibili).

“La competizione – sottolinea Fs – è fondamentale per migliorare e offrire un servizio sempre più all’altezza di quanto il mercato oggi chiede”. “Ormai l’alta velocità la stiamo facendo da qualche anno con una qualche soddisfazione dei clienti”, ha rilevato Moretti ricordando la partenza dei primi Frecciarossa di Fs nel 2008. “E’ una svolta che il Paese chiedeva e di cui sentiva fortemente il bisogno”, affermano le Ferrovie, sottolineando che “è stata una sfida ampiamente vinta: 97% di consensi favorevoli per un servizio che è ormai considerato da tutti ‘la metropolitana d’Italià”.

“Da fine aprile – ha concluso Moretti – partirà questa nuova sfida, unica al mondo nel suo genere. Sarà una sfida leale, nell’interesse dei clienti, che Fs saprà raccogliere con determinazione e a cui risponderà con la professionalità e la competenza che le sono riconosciute in tutto il mondo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Delbono: “Ho pagato anche troppo. Errani indagato? Sono sicuro che sia innocente”

prev
Articolo Successivo

Bonaga e Bifo Berardi: “Non disperdere le proteste, oggi guardare oltre i cortili”

next