Se le cose fossero semplicissime, lo spettacolo sarebbe veramente misero.Che due più due fa quattro, ammettiamolo, è noioso. Che la mia statura sia tutti i giorni 1,68 è un cedimento grave ad un realismo opprimente e deprimente. Per fortuna, il mondo è una creazione della fantasia nella quale si intrecciano le più incredibili magie.

I soldi, ad esempio, potrebbero sembrare soltanto soldi: c’è su scritto 100 euro e, più o meno, sai cosa ci compri e quanto ti è pesato guadagnarli. Invece i soldi sono una di quelle idee demenziali che ti possono venire in mente dopo un cannone d’erba, quando le spari enormi e ci credi. Per dire: il prodotto mondiale lordo vale intorno ai settanta miliardi di dollari.

Uno (quello che non ha fumato, altrimenti collassa), si aspetterebbe una cosa terra terra tipo: ragazzi, ci sono settanta miliardi di dollari, fateveli bastare e piano coi liquori.Ma ecco che, zot!, d’un colpo scopriamo che invece i soldi in circolazione sono un milione di miliardi di dollari. Che significa nessun problema con i liquori. Un milione di miliardi sono circa quindici volte il prodotto interno lordo del mondo.

Da dove sono spuntati fuori questi soldi che non abbiamo prodotto? Che non corrispondono a niente che sia stato prodotto? Gesù Cristo è tornato sulla Terra per fondare il Cristianesimo Liberista e invece dei pesci per i poveracci moltiplica miliardi per i ricchi? La questione è semplice e spettacolare, minima e grandiosa, magica e strappona. Si scommette. Facebook ha realizzato un miliardo di dollari nel 2011 ma secondo la quotazione di Borsa ne vale cento.

Novantanove sono una scommessa: siamo sicuri che guadagnerà tanto da giustificare il valore che gli diamo. Attenti che, anche se non vi siete fatti un cannone, ci si perde facilmente: io scommetto che l’anno prossimo guadagnerò un milione e, per questo, già valgo un milione. Se Zuckerberg va in banca e chiede un prestito, non gli dicono “scusa, eh, torna quando fatturi cento miliardi e ne riparliamo”. No, gli danno i soldi. Quei cento miliardi di scommessa diventano denaro vero.

Scommessa su scommessa, in giro ci sono quindici volte i soldi che veramente ci sono. E valgono. E vengono usati. Ad esempio, per convincerci che sono proprio soldi veri e che chi li possiede è veramente ricco. Un operaio, un professionista, un imprenditore, lavorano e producono: fanno settanta miliardi di dollari. Qualcun altro, diciamo l’uno per cento della popolazione, è ricco perché possiede soldi virtuali che ci ha convinto a considerare reali. Se le cose fossero semplicissime non solo ci vorrebbe un attimo a notare che il re è nudo ma ci vorrebbe ancora meno a mandarlo a fare in culo.

di Paolo Aleandri

Il Misfatto, inserto satirico de Il Fatto quotidiano, 18 marzo 2012

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Ti amo campionato 28^ giornata

next
Articolo Successivo

Non c’è resa senza spina

next