Amalia Guglielminetti e Guido Gozzano

Esce nei prossimi giorni Lady Medusa. Vita, poesie e amori di Amalia Guglielminetti (Bietti, 2012). Antonio Armano ha letto il libro in anteprima per Saturno e ripercorre la vicenda della poetessa, da molti considerati una sorta di alter ego femminile di D’annunzio. L’autrice di Le vergini folli, che amò platonicamente Guido Gozzano e che si legò al giovane Dino Segre, visse una vita considerata scandalosa per l’epoca fascista, al punto tale che il compagno la fece interdire. Il racconto di una vita tormentata offre lo spunto per capire quanto era – e forse è tutt’ora – difficile essere una donna che ha una vita fuori dall’ordinario.

Camilla Tagliabue coglie lo spunto della vicenda di inizio secolo e raccoglie in un’inchiesta le storie dei legami sentimentali tra scrittori, di ieri e di oggi. Come viene arricchita la letteratura dal legame affettivo? Invidie e gelosie o sane competizioni? In base a quale strana norma sociale per una donna è più difficile essere riconosciuta come autrice e finisce spesso con l’essere etichettate come “la moglie o la compagna di…”? Si raccontano le vicende di Patrizia Valduga e Giovanni Raboni, delle tante donne di Alberto Moravia, il triangolo BachmannCelanFrisch, fino ad arrivare ai giorni nostri con Chiara Gamberale ed Emanuele Trevi. L’articolo cercherà di interpretare un altro strano fenomeno: perché gli scrittori anglosassoni dimostrano una maggior propensione a legarsi tra loro?

E poi, come tutte le settimane, recensioni di libri, musica e film, le pagine multimediali di Saturno 2.0.

Per gli affezionati di Saturno venerdì 16 sarà un appuntamento importante. Si tratta dell’ultimo numero prima di una vacanza per l’inserto culturale del Fatto Quotidiano.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lo straniero e la bambina
Introduzione al mondo

prev
Articolo Successivo

Andrea Nacciarriti
Un artista italiano sotto il sole della Cina

next