La cantautrice pugliese Erica Mou

Il suo nome d’arte è “Mou”, e per una volta il calcio e il mitico José non c’entrano nulla. Erica ha 21 anni, viene dalla provincia di Bari e a Sanremo ha conquistato il premio della critica nella categoria dei “Giovani”. Non male neanche il secondo posto: probabilmente avrebbe meritato di più, ma si sa, al Festival i veri vincitori non sono quasi mai quelli che vincono.

Ha quel sorriso da ragazza della porta accanto, trasmette serenità mentre ci parla di sé e del suo ultimo album. “È”, una sola lettera, mille interpretazioni possibili («Mi piace dare spazio all’immaginazione del pubblico», spiega) per un significato esistenziale: perché tra apparire ed essere Erica sceglie la seconda, “lascia mettere agli altri gli orecchini pesanti”. E non è poco, di questi tempi. La sua è una scelta differente: niente reality, si rifà alla tradizione un po’ appassita dei cantautori all’italiana nell’epoca dei grandi interpreti del nulla. Nell’album troviamo 12 canzoni (più una bonus track), a partire dal brano sanremese Nella vasca da bagno del tempo: testi e musica di propria firma, un’atmosfera intima in cui i contenuti non sono mai puramente accessori.

Il lieto fine è ancora tutto da scrivere, ma per una volta la nostra Italia ci racconta la storia di un talento innato e ben coltivato. E non fosse che per questo vale la pena di ascoltarla.

Erica, Sanremo ti ha portato la celebrità ma la tua musica viene da lontano…

Ho cominciato a scrivere quando avevo 14 anni, quasi per gioco. I miei genitori mi hanno trasmesso questa passione: a casa ascoltavano tantissima musica, e quasi litigavano discutendo sui testi delle canzoni! La famiglia è stata la mia prima scuola.

Tu sei l’ultimo talento della “scuola” pugliese, molto prolifica negli ultimi anni. E a tal proposito, proprio a Sanremo, hai detto una frase significativa: «Forse sono le cime di rape e lo iodio, ma in questo momento in Puglia c’è una volontà dall’alto di supportare la cultura che aiuta molto noi artisti».

La mia terra è bellissima, tu apri la finestra e sei felice, tutta questa bellezza ti stimola. Ma la creatività da sola non basta: in Puglia abbiamo finalmente capito che anche la musica e l’arte possono far ripartire l’economia di un territorio. Tutta la cultura è un’industria in cui bisogna investire per ottenere risultati, troppo spesso in Italia l’abbiamo trascurata.

Quando, ad esempio, ti sei sentita concretamente supportata?

Sicuramente l’esperienza con Puglia Sounds è stata importante: ho avuto la possibilità di suonare all’Auditorium quando ancora dovevo affermarmi, un sogno che si realizzava per me e tanti altri ragazzi. E anche il primo concerto del mio tour è stato finanziato da Puglia Sounds. Probabilmente ce l’avrei fatta lo stesso, ma devo molto alla mia regione.

E così è arrivato il Festival: punto di arrivo o di partenza?

Né l’uno né l’altro: Sanremo è stato uno snodo. Adesso riparto confrontandomi con un ambiente più grande e aspettative ancora maggiori. C’è ancora tanta strada da fare, a partire ad esempio dalla registrazione in cui sono “bloccata” e non riesco a dare il meglio di me come nelle performances dal vivo. Continuerò a studiare canto: gli esami non finiscono mai! Bisogna sempre migliorarsi.

Senza però cambiare il tuo modo di fare musica, che dà importanza alle parole e crea un rapporto quasi confidenziale con gli ascoltatori.

Per me essere una cantautrice vuol dire soprattutto raccontare qualcosa di personale, e farlo nella maniera più chiara possibile; così realizzo un microcosmo artistico in cui mi sento protetta e a mio agio, e di cui fanno parte anche i miei fan. È questa la strada che ho scelto: costruire un percorso fatto di gradini piccoli piccoli. Come quando da bambina giocavo con i Lego!

E ora cosa succede? Progetti futuri?

Il mio futuro è la musica, non ho dubbi. Mi concentrerò sull’album appena pubblicato con la Sugar, la mia casa discografica, e su nuove collaborazioni con cui spero di arricchire il mio bagaglio artistico. E dal 22 marzo riparte il tour, proprio da Bisceglie: è un regalo per la mia città e per la mia terra, che mi hanno tanto sostenuto. E anche per me stessa.

Lorenzo Vendemiale

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bijan Zarmandilli
Il ghetto degli scrittori migranti

prev
Articolo Successivo

Lo straniero e la bambina
Introduzione al mondo

next