Gli ascolti parlano chiaro. E sono tutti in picchiata. Il talk televisivo, non tira più, ma stesso discorso si può fare anche per i tg, che hanno visto i loro ascolti sgonfiarsi come soufflè uscito male, e anche per alcuni programmi di infotainment e di satira.

Conduttori e programmi sono noti. Dalla Dandini alla Bignardi, dall’esperimento – per ora non premiato dall’audience – di Luisella Costamagna a Telese-Porro a “In Onda”; lo share cala, in alcuni casi di molto – o semplicemente, arranca. Non si possono non citare, naturalmente, i casi Santoro, Formigli, Ballarò; Sabina Guzzanti, che parte domani con il suo “Un due tre Stella” sembra voler mettere le mani avanti: “Il sistema dell’Auditel è molto discutibile viene spacciato come oro colato e in ogni caso, corrisponde al populismo in politica” ha detto al nostro Malcom Pagani (auguri, cmq!).

Certo, ci sono programmi che resistono (Fazio, Gabanelli, Iacona); senza citare l’intrattenimento – che fa storia a sé -, è però evidente che la tv di approfondimento è in crisi. Una crisi cominciata con l’arrivo di Mario Monti e dalla quale pochi sembrano conoscere una via d’uscita.

Un gruppo di blog ha lanciato un bel “manifesto”per una tv di qualità. Ottima iniziativa. Il discorso però, è anche politico, culturale. Come raccontare il Paese? Come dare spazio a nuove idee, e a quali, dove trovare nuovi protagonisti? A queste domande non è facile rispondere. La verità è che finito il Truman Show di Berlusconi, ed è come se il paese si fosse scongelato di colpo scoprendo, in un tratto, di avere vent’anni di troppo sulle spalle.

Allora, quando diciamo “vorrei qualcosa di nuovo in tv”, chiedo: a cosa pensiamo? Io, qualche idea, ce l’avrei (possibile, per esempio, che nessuno sia in grado di  parlare del mondo connesso in modo maturo e divertente, andando oltre il solito mix tra “strano ma vero” e “sapevatelo” – non so se avete presente i vari Daniele Bossari e soci). Potrebbe funzionare? Lo chiedo a tutti voi. E aggiungo: cosa vorreste vedere in tv al passo coi tempi che viviamo? E’ tempo di aria fresca. Il dibattito è aperto.

twitter.com/fedemello

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Scandalo intercettazioni, arrestata l’ex Ceo di News International Rebekah Brooks

prev
Articolo Successivo

Televisivamente Ferrara non esiste

next