Doveva essere un semplice presidio di solidarietà. In poco tempo si è trasformato in un corteo selvaggio che ha puntato dritto verso la stazione. “Oggi blocchiamo tutto”, hanno urlato al megafono i manifestanti. In tutto 500 tra studenti, militanti dei vari centri sociali bolognesi e semplici cittadini, si sono dati appuntamento per le 18 in piazza Nettuno per esprimere la loro vicinanza a Luca Abbà, leader valsusino del movimento No Tav rimasto gravemente ferito questa mattina. Poi però la richiesta di andare verso la stazione si è fatta sempre più forte, e il presidio è diventato un corteo che prima ha percorso via Indipendenza bloccando il traffico, poi si è confrontato con il cordone di carabinieri e polizia in assetto anti sommossa a difesa dell’entrata dello scalo ferroviario di Bologna.
Sotto i portici della stazione le prime linee del corteo si sono lanciate contro carabinieri e polizia. “Fateci entrare”, hanno urlato.

Poi il contatto, la pressione della massa dei manifestanti contro gli scudi, e alla fine lo scontro. Inutili i tentativi di mediazione degli agenti in borghese. Celere e carabinieri hanno respinto a colpi di scudo e manganello il tentativo di forzare il cordone e irrompere in stazione.  Contro le forze dell’ordine sono volati oggetti vari e uova dalle retrovie del corteo.

Dopo due tentativi falliti i manifestanti sono corsi in massa verso un’entrata secondaria e così hanno potuto occupare per una ventina di minuti i primi tre binari, tra cui quello su cui passano i treni dell’alta velocità. Armati di cartelli e di un maxi striscione di 15 metri si sono confrontati a distanza con la polizia in assetto anti sommossa. “Giù le mani dalla val di Susa”, è stato lo slogan principale, ma anche “Siamo tutti con Luca” e “Assassini”.

Verso le 19 il grosso dei manifestanti, ormai ridotto a poco meno di 200, ha lasciato la stazione dirigendosi verso Piazza Maggiore. Una quarantina di giovani, alcuni dei quali appartenenti all’Aula C, ha invece deciso di fermarsi ancora e continuare il blocco, questa volta al binario 6. Il Frecciarossa 9550 Salerno-Milano è stato così bloccato per quasi mezz’ora. Alla fine la ripartenza, ma con due scritte “No Tav” tracciate a vernice sul locomotore.

di Giovanni Stinco e Antonella Beccaria

foto e video di Giovanni Stinco

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Errani e Gnudi, battibecco sulle competenze per il Turismo alle Regioni

next
Articolo Successivo

Appropriazione indebita e riciclaggio, rinvio a giudizio per 4 dirigenti Ber Banca

next