Doveva essere un semplice presidio di solidarietà. In poco tempo si è trasformato in un corteo selvaggio che ha puntato dritto verso la stazione. “Oggi blocchiamo tutto”, hanno urlato al megafono i manifestanti. In tutto 500 tra studenti, militanti dei vari centri sociali bolognesi e semplici cittadini, si sono dati appuntamento per le 18 in piazza Nettuno per esprimere la loro vicinanza a Luca Abbà, leader valsusino del movimento No Tav rimasto gravemente ferito questa mattina. Poi però la richiesta di andare verso la stazione si è fatta sempre più forte, e il presidio è diventato un corteo che prima ha percorso via Indipendenza bloccando il traffico, poi si è confrontato con il cordone di carabinieri e polizia in assetto anti sommossa a difesa dell’entrata dello scalo ferroviario di Bologna.
Sotto i portici della stazione le prime linee del corteo si sono lanciate contro carabinieri e polizia. “Fateci entrare”, hanno urlato.

Poi il contatto, la pressione della massa dei manifestanti contro gli scudi, e alla fine lo scontro. Inutili i tentativi di mediazione degli agenti in borghese. Celere e carabinieri hanno respinto a colpi di scudo e manganello il tentativo di forzare il cordone e irrompere in stazione.  Contro le forze dell’ordine sono volati oggetti vari e uova dalle retrovie del corteo.

Dopo due tentativi falliti i manifestanti sono corsi in massa verso un’entrata secondaria e così hanno potuto occupare per una ventina di minuti i primi tre binari, tra cui quello su cui passano i treni dell’alta velocità. Armati di cartelli e di un maxi striscione di 15 metri si sono confrontati a distanza con la polizia in assetto anti sommossa. “Giù le mani dalla val di Susa”, è stato lo slogan principale, ma anche “Siamo tutti con Luca” e “Assassini”.

Verso le 19 il grosso dei manifestanti, ormai ridotto a poco meno di 200, ha lasciato la stazione dirigendosi verso Piazza Maggiore. Una quarantina di giovani, alcuni dei quali appartenenti all’Aula C, ha invece deciso di fermarsi ancora e continuare il blocco, questa volta al binario 6. Il Frecciarossa 9550 Salerno-Milano è stato così bloccato per quasi mezz’ora. Alla fine la ripartenza, ma con due scritte “No Tav” tracciate a vernice sul locomotore.

di Giovanni Stinco e Antonella Beccaria

foto e video di Giovanni Stinco

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Errani e Gnudi, battibecco sulle competenze per il Turismo alle Regioni

prev
Articolo Successivo

Appropriazione indebita e riciclaggio, rinvio a giudizio per 4 dirigenti Ber Banca

next